11 cose da fare ad Adana, in Turchia

Scritto da Jess Lee
29 aprile 2023

La sesta città più grande della Turchia, Adana si trova accanto al fiume Seyhan ed è circondata dalle dolci colline della regione di Çukurova, resa famosa dal romanzo di Yaşar Kemal Memed, My Hawk .

È meglio conosciuto come la patria dell'Adana kebab turco, e i buongustai probabilmente metteranno l'assaggio di questo piatto nei ristoranti della città in cima alla lista delle cose da fare mentre sono in città. Questa città, però, ha molto di più da offrire ai viaggiatori.

L'entroterra è disseminato di siti archeologici e di attrazioni turistiche storiche che fanno di Adana uno dei posti migliori da visitare e fare base. Da qui, puoi partire ed esplorare la regione del Mediterraneo orientale della Turchia.

Dai siti neo-ittiti e le rovine romane ai resti di un castello fatiscente del regno armeno di Cilicia di questa zona, Adana ha una moltitudine di monumenti raggiungibili con una gita di un giorno.

Adana ha buoni collegamenti in autobus con la Cappadocia (258 chilometri a nord di Adana) e Konya (346 chilometri a nord-ovest), e c'è anche una linea ferroviaria altamente panoramica tra Konya e Adana, che rende la città un facile viaggio aggiuntivo da uno di questi due nell'entroterra Highlights della Turchia.

Aiuta a pianificare la tua visita con il nostro elenco delle migliori cose da fare ad Adana.

1. Esplora gli edifici storici di Adana

Il ponte di pietra ad Adana

Adana è una città tentacolare, ma all'interno del suo vecchio quartiere centrale, accanto al fiume Seyhan, troverai numerosi edifici e monumenti risalenti a prima del boom edilizio moderno.

Il ponte di pietra a 21 arcate (Taşköprü) di costruzione romana che attraversa il fiume è il punto di riferimento più famoso della zona.

Dopo aver passeggiato sul ponte, da dove puoi ottenere splendide foto della Moschea Sabancı Merkez, dirigiti a ovest nel quartiere centrale per visitare l'Ulu Cami (Grande Moschea) del XVI secolo con il suo mihrab piastrellato (nicchia di preghiera).

Proprio dietro l'Ulu Cami, troverai il Ramazanoğlu Medrese, dove ora puoi sorseggiare un tè nel caffè nel cortile alberato di questo antico collegio teologico.

Appena a sud si trova la magra torre dell'orologio di Adana del XIX secolo. Da qui dirigiti a ovest fino alla Yağ Cami (Moschea dell'Olio), situata in un edificio ecclesiastico convertito, che risale al periodo dei crociati.

2. Visita la Moschea Sabancı Merkez

Moschea Sabancı Merkez vista dal fiume

L'edificio più riconoscibile della città è questa imponente moschea moderna, situata all'interno di giardini ben curati sulla riva del fiume Seyhan. Costruita nel 1998, la moschea può contenere oltre 28.000 fedeli ed è considerata una delle più grandi dell'intero Medio Oriente .

I sei minareti che circondano la sala di preghiera svettano a 99 metri di altezza.

All'interno, sotto la gigantesca cupola alta 54 metri, l'interno segue rigorosamente il design ottomano utilizzando piastrelle Iznik e caratteristiche calligrafiche tradizionali per decorare la sala di preghiera.

La moschea è aperta ai visitatori non musulmani al di fuori degli orari di preghiera.

Per le foto più impressionanti della facciata, dirigiti a sud dalla moschea, lungo la riva del fiume fino al ponte di pietra.

Indirizzo: Turhan Cemal Beriker Caddesi

3. Arrampicatevi fino a Yılankale

Yilankale (Castello del Serpente)

Yılankale (Castello del Serpente) è una fortezza di costruzione armena, con i suoi merli merlati e le torri che ancora si estendono su un'alta cresta calcarea, 47 chilometri a est di Adana.

Costruita nel XII secolo, Yılankale faceva parte della linea difensiva del regno armeno di Cilicia, che controllava questo tratto di costa dall'odierna Alanya fino a Iskenderun nel tardo medioevo.

Le caratteristiche esterne del castello di bastioni, torri difensive sporgenti e porte di guardia sono ben conservate e possono essere calpestate per ammirare viste spettacolari sulla campagna circostante. È un sentiero ripido e roccioso dall'ingresso per raggiungerli, quindi indossa delle buone scarpe da passeggio.

La maggior parte delle caratteristiche interne del castello giace in rovina, anche se coloro che desiderano arrampicarsi verso le parti più alte del sito possono esplorare le camere a volta e le cisterne del castello.

Nel folklore locale, si dice che il castello sia la dimora della donna serpente mitologica anatolica Şahmaran.

4. Scopri il passato ittita della Turchia al Museo all'aperto di Karatepe-Aslantaş

Vista panoramica dai merli di Karatepe

Questo tranquillo museo all'aperto, 126 chilometri a nord-est di Adana, ospita uno dei più importanti siti neo-ittiti (dal 700 aC) della Turchia .

Situato in una fitta pineta al confine con la diga di Aslantaş, Karatepe-Aslantaş era il luogo in cui il sovrano neo-ittita Asativatas costruì la sua fortezza di Asativataya e la abbellì con statue di leoni e sfingi e ortostati in pietra che ritraggono scene e iscrizioni finemente dettagliate.

Dopo il crollo dell'impero ittita dell'età del bronzo dell'Anatolia, diverse piccole sacche di dominio ittita rimasero e continuarono ad evolversi in modo indipendente. Karatepe-Aslantaş risale a questa epoca tumultuosa.

Oggi le caratteristiche più importanti dell'edificio della fortezza rimasti sono le tozze merlature esterne, che tracciano la forma della struttura. Il lavoro archeologico all'interno di quest'area negli anni '40 e '50 ha portato alla luce la decorazione in pietra scolpita che ha reso famoso Karatepe-Aslantaş.

A differenza di altri siti, tuttavia, le opere in pietra qui sono state conservate in loco piuttosto che trasferite nei musei e ora sono esposte in vari punti lungo sentieri boscosi all'interno dell'area della fortezza.

5. Esplora Kastabala

castello di kastabala

Se ti stai dirigendo verso Karatepe-Aslantaş, fai una sosta a Kastabala lungo il percorso.

Situata a soli 18 chilometri a sud, sulla strada principale per il sito neo-ittita, l'antica Kastabala faceva originariamente parte del regno neo-ittita locale, ma le rovine che vedi oggi risalgono ai periodi greco-romano e bizantino molto più tardi.

Una lunga strada colonnata ricoperta di vegetazione con colonne rialzate conduce oltre uno stabilimento balneare bizantino ai resti di un tempio romano e di un piccolo teatro.

Le rovine sono sovrastate da un castello, costruito in epoca medievale, che si trova in cima alla collina retrostante.

Il castello è costruito sull'area dell'acropoli di epoca romana della città e, se ti arrampichi su per la collina, puoi vedere le tombe di epoca classica scolpite nella roccia.

6. Immergiti nelle rovine di Anazarva

Il cancello storico dell'Antica Anazarva

Il sonnolento villaggio rurale di Dilekkaya, 80 chilometri a nord-est di Adana, è disseminato dei resti dell'antica Anazarva (noto anche come Anazarbus) e sostenuto da un'alta scogliera sormontata dal castello di Anazarva.

Dirigiti prima al castello, che si raggiunge salendo una serie di ripide scale scavate nella scogliera. Le parti più lontane dei bastioni e delle merlature del castello, che percorrono l'intera lunghezza della scogliera, sono fuori limite a causa di problemi di sicurezza, ma c'è ancora molto da esplorare sulla cima della scogliera.

Scendendo, nella pianura sottostante, i campi in mezzo al paese sono disseminati di rovine, tra cui un acquedotto di epoca romana, una grande porta e una chiesa bizantina del VI secolo.

Anazarva era una città importante per questa regione in epoca romana e, nonostante devastanti terremoti e tumultuosi cambiamenti nel potere regionale nel corso dei secoli, continuò ad essere importante fino a quando l'esercito mamelucco egiziano invase e distrusse la città nel XIV secolo.

Una gita di un giorno qui è facilmente combinabile con una visita a Yılankale.

7. Visualizza il viadotto di Varda

Viadotto Varda

Il viadotto Varda (Varda Köprüsü), che si estende attraverso la profonda gola di Çakıt Deresi, è stato costruito per facilitare la linea ferroviaria ottomana Istanbul-Baghdad, anche se oggi è più famoso per il suo ruolo da protagonista nel film di James Bond Skyfall .

Il ponte, lungo 172 metri, è abbellito da undici archi in pietra, che si trovano a 98 metri sopra la profondità più bassa del canyon.

Se vuoi attraversare il viadotto, sali sul treno Toros Express, che effettua corse giornaliere tra Adana e Konya. Mentre la linea ferroviaria attraversa le montagne del Tauro, è un viaggio spettacolare e panoramico tra le due città.

Per visitare il viadotto, dirigiti a nord-ovest dalla città di Adana per 52 chilometri, attraverso il cuore agricolo della provincia, fino al villaggio di Karaisalı e poi segui le indicazioni da qui per altri 18 chilometri fino al ponte.

Ci sono un paio di caffè situati sull'orlo della gola, che offrono punti panoramici sul viadotto.

8. Gita di un giorno a Tarso

Case ottomane a Tarso

A soli 42 chilometri a ovest di Adana, Tarso è una destinazione facile per gite di un giorno dalla città.

È qui che nacque e crebbe Saulo di Tarso (che in seguito divenne San Paolo), e c'è una manciata di luoghi di pellegrinaggio cristiani nascosti nei vicoli della città vecchia.

Lo stesso quartiere della città vecchia, con i suoi vicoli acciottolati pieni di scricchiolanti case ottomane che si trascinano in vari stati di abbandono, merita una visita da solo. Qui troverete anche un tratto di strada di epoca romana, di 60 metri, che è stato riportato alla luce e preservato.

Per i visitatori cristiani, tuttavia, l'attrazione principale della città è il pozzo di San Paolo su Hal Caddesi. Le rovine della casa scavate di quella che alcuni dicono fosse la casa di San Paolo sono esposte nel cortile del pozzo.

I visitatori cristiani apprezzeranno anche una visita alla moderna (costruita nel 1850) Chiesa greco-ortodossa di San Paolo ad Abdı Ipekçi Caddesi, oggi conosciuta come il Museo commemorativo di San Paolo.

9. Scopri Glut of Ruins di Kızkalesi

Castello di Kizkalesi

Kızkalesi è una località balneare, 144 chilometri a sud-ovest di Adana, favorita dai visitatori domestici e dai turisti scandinavi durante la lunga stagione estiva balneare.

Sebbene la maggior parte delle persone sia qui per rilassarsi sulla striscia di ciottoli e sabbia che circonda la città, l'area di Kızkalesi è ricca di siti storici e una giornata trascorsa tra le sue rovine greco-romane è una delle migliori gite di un giorno da Adana .

I due monumenti più famosi sono i castelli. Il castello di Corycus segna l'estremità settentrionale della spiaggia di Kızkalesi, mentre appena al largo, a dominare la vista della costa, si trova il castello di Kızkalesi , raggiungibile con regolari gite in barca che fanno la spola da e per la spiaggia.

La campagna intorno a Kızkalesi è conosciuta come l'altopiano dell'Olba ed è disseminata di rovine.

Circa quattro chilometri prima di raggiungere il paese, provenendo da Adana, i resti di Elaiussa Sebaste giacciono sparpagliati lungo la strada statale. Arrampicati fino al teatro romano, tagliato nella collina, prima di esplorare la chiesa bizantina e l'Agorà romana con i suoi mosaici conservati, in basso.

Sulle colline a nord di Kızkalesi si trova la necropoli romana di Adamkayalar. Il sito conserva numerosi monumenti tombali crollati, ma è famoso soprattutto per i suoi rilievi scolpiti sulla scogliera che commemorano i morti, risalenti al I secolo d.C.

10. Dirigiti sottoterra alle Grotte del paradiso e dell'inferno

Grotta del Cielo

La piccola baia di Narlıkuyu si trova a quattro chilometri a ovest di Kızkalesi (148 chilometri a sud-ovest di Adana) ed è nota per i suoi ristoranti di pesce con i loro balconi all'aperto che si protendono sul mare.

A soli due chilometri verso l'interno, su per la ripida collina della baia, si trovano le Grotte del paradiso e dell'inferno (Cennet Cehenem Mağarası), che, secondo la leggenda, si collegano al fiume Stige degli inferi.

La Grotta dell'Inferno è il luogo in cui il mostro Tifone fu catturato da Zeus, secondo la mitologia greca. La vertiginosa dolina profonda 130 metri è vista oggi da una piattaforma che si protende sul baratro. Avrai bisogno di una buona testa per le altezze per scrutare nelle profondità dalla barriera.

La Grotta del Paradiso si raggiunge scendendo una serie di ripide scale (oltre 400 gradini) fino al punto in cui una chiesa di epoca bizantina si trova all'imboccatura spalancata della grotta.

La voragine si estende indietro per 250 metri ed è profonda 70 metri, con passerella e luci lungo il percorso. Può essere estremamente scivoloso all'interno della grotta, quindi è necessario indossare buone scarpe da passeggio.

11. Passeggia tra le rovine di Uzuncaburç

Il Tempio di Zeus a Uzuncaburc

La regione collinare a nord-ovest di Kızkalesi offre un viaggio panoramico su strada ricco di panorami rurali, disseminati di villaggi assonnati e punteggiati di antiche rovine.

Il sito di rovine più famoso qui si trova nel villaggio di Uzuncaburç, dove un teatro romano fa da sfondo a una casa e una strada colonnata taglia il centro della città.

Qui si trova la città ellenistica di Olba, divenuta Diocesarea in epoca romana.

Nel mezzo del villaggio, puoi percorrere la strada colonnata fino alle colonne del Tempio di Zeus e poi arrampicarti sul teatro romano per ammirare splendide viste sulle pianure sottostanti.

Proprio ai margini del villaggio c'è una torre di avvistamento ellenistica, alta cinque piani.

Dirigiti a est fuori dal villaggio per quattro chilometri per raggiungere l'imponente acquedotto dell'Antica Olba a cavallo di una gola. L'acquedotto è parzialmente distrutto, con alcuni degli alti archi ora disconnessi dal resto della struttura. Le scogliere su entrambi i lati della gola sono cesellate con tombe romane.