11 migliori templi a Bangkok

Scritto da Diana Bocco
3 febbraio 2023

Bangkok ospita oltre 400 wats (templi) sbalorditivi. Alcuni sono famosi e attirano migliaia di turisti ogni giorno, mentre altri sono più piccoli, meno conosciuti o semplicemente strutture senza le decorazioni colorate che i visitatori bramano. La maggior parte dei templi thailandesi è costituita da più di un solo edificio e molti sono in realtà un complesso costituito da una sala di preghiera principale circondata da strutture più piccole e, sebbene i templi siano fantastici sfondi fotografici, forniscono anche una visione reale della storia e della cultura di la nazione.

Dai più antichi ai più decorati e quelli da non perdere, leggi il nostro elenco dei templi da non perdere a Bangkok e dintorni.

1. Wat Pho

wa pho

Situato a pochi minuti dal Grand Palace, Wat Pho ospita il più grande Buddha sdraiato della Thailandia . A 46 metri di lunghezza e 15 metri di altezza, il Buddha d'oro (letteralmente ricoperto di foglia d'oro) sembra davvero gigantesco. La sala in cui risiede il Buddha è ricoperta di murales colorati e allineata con 108 ciotole di bronzo.

Wat Pho è uno dei wat più antichi del paese , fondato a Bangkok ancor prima che la città diventasse la capitale del regno. E mentre la sala dove risiede il Buddha sdraiato non sembra particolarmente grande, il parco di Wat Pho copre un'area di oltre 80.000 metri quadrati e comprende una serie di chedi (stupa con reliquie), sale di preghiera, padiglioni, giardini formali , e molte statue di pietra a grandezza naturale a guardia delle porte del tempio.

Oltre allo straordinario Buddha gigante, Wat Pho è ben nota come la prima università pubblica della Thailandia . Mentre la scienza e la letteratura non vengono più insegnate qui, i templi gestiscono una scuola di massaggi e medicina naturale. Per i visitatori, ciò significa che Wat Pho è il luogo perfetto per farsi un massaggio tradizionale tailandese.

Per le migliori viste del tempio, prendi una barca a coda lunga per un tour del fiume Chao Phraya, da dove puoi vedere il tempio in tutto il suo splendore.

Sistemazione: dove alloggiare a Bangkok: le migliori aree e hotel

  • Leggi di più:
  • Le migliori attrazioni turistiche di Bangkok

2. Wat Arun

Lanterne di carta che galleggiano sopra Wat Arun

Chiamato in omaggio al dio indù Aruna (che è associato al sole nascente), il "tempio dell'alba" è molto amato dai buddisti thailandesi. La maggior parte di ciò che vedi oggi quando visiti, incluso lo straordinario prang (una torre in stile Khmer), è stato costruito nel 1800, sebbene il tempio sia stato originariamente fondato almeno 100 anni prima.

La porcellana colorata, la ceramica smaltata di stagno e le conchiglie che ricoprono il prang sono state aggiunte nel corso degli anni, alcune progettate appositamente per il tempio e altre prese dalla zavorra delle barche provenienti dalla Cina.

Il momento migliore per fotografare Wat Arun (noto anche come Wat Arun Ratchawararam) è all'alba, quando il sole che esce rimbalza sulle pareti del tempio, creando un riflesso perlaceo sulle strutture riccamente decorate. Un secondo vicino è dal fiume Chao Phraya in qualsiasi momento della giornata, quando passi su un piccolo traghetto locale: puoi anche prendere una barca dal tempio di Wat Pho e scendere a Wat Arun proprio dall'altra parte del fiume per una vista mozzafiato di entrambi templi.

Il prang centrale può essere scalato, anche se i gradini sono sottili e difficili da manovrare, per ammirare il fiume, Wat Pho e la sponda orientale.

3. Wat Benchamabophit

Wat Benchamabophit

Conosciuto anche come il tempio di marmo perché è costruito in marmo italiano, Wat Benchamabophit era un grande tempio da visitare se si volevano folle più piccole in giro. Dopo essere stato descritto come tappa di Amazing Race 9 , tuttavia, il tempio è diventato più popolare e i turisti stranieri sono ora uno spettacolo comune qui. Ancora più tranquillo del Grand Palace e di altri importanti wat, Benchamabophit è uno splendido tempio dorato e rosso che merita sicuramente una visita.

Costruito per adattarsi allo stile ornato del vicino palazzo del re Chulalongkorn, il tempio è una straordinaria combinazione di alti frontoni, un cortile in marmo e dettagli laccati e dorati su pareti e soffitti. Forse la parte più sorprendente del tempio, tuttavia, sono le 52 immagini del Buddha che circondano l'aula magna. Invece di essere progettate appositamente per il tempio, le statue furono raccolte dal re Chulalongkorn e presentate al re come dono. Ogni statua si trova in un mudra (posa) diverso, che mostra diverse posizioni sacre della mano e del corpo.

4. Tempio di smeraldo

Guardiano dei Demoni al Tempio di Smeraldo

Conosciuto anche come il Tempio del Buddha di Smeraldo, Wat Phra Kaew si trova all'interno dei giardini del Grand Palace .

Il tempio ospita la statua più importante della Thailandia, il Buddha di smeraldo , sin dal 1700. Sebbene le origini della statua in sé non siano chiare, la storia più accreditata è che nel XV secolo la piccola statua si nascondesse all'interno di una più grande statua di Buddha in stucco. Quando la statua cadde durante una tempesta e si scheggiò, i monaci scoprirono il Buddha di smeraldo all'interno. Fu solo 200 anni dopo, tuttavia, che fu trasferito permanentemente al tempio di Wat Phra Kaew.

Nonostante il nome, il Buddha di smeraldo non è fatto di smeraldo ma è invece scolpito da un unico pezzo di pietra di giada. È alto circa 65 centimetri ed è considerato il protettore della Thailandia. Poiché la statua è sacra, solo il re e il principe ereditario possono toccarla: tre volte l'anno viene eseguita un'elaborata cerimonia di buona fortuna durante la quale il re cambia le vesti che coprono la statua.

Oltre alla sala che ospita il Buddha di smeraldo, Wat Phra Kaew ha anche una serie di edifici aggiuntivi, tutti decorati in uno stile simile a quello che erano i vecchi templi di Ayutthaya. Marmo, mosaici e colorate piastrelle arancioni ricoprono le pareti, i pilastri e gli altari che compongono i templi qui. Appena fuori dall'ingresso, una coppia di yaksha giganti (mitici spiriti della natura) custodiscono il tempio.

  • Leggi di più:
  • Esplorando il Grand Palace di Bangkok: una guida per i visitatori

5. Wat Saket

che sakè

Situato in cima a una collina alta 80 metri nel cuore di Bangkok, Wat Saket può essere raggiunto solo dopo aver salito 300 gradini dorati e rossi . Dal basso, la parte più visibile del tempio è il massiccio chedi dorato (uno stupa buddista), che contiene una reliquia del Buddha.

Fu solo a metà del 1900 che gran parte delle costruzioni e dei muri in cemento e marmo di Carrara furono aggiunti, principalmente per l'erosione delle coramelle ma anche per fornire protezione dal sole e dalla pioggia. Intorno al tempio, alberi e giardini offrono una pausa tranquilla dal caos frenetico della capitale thailandese.

Wat Saket è particolarmente famoso a causa di due festival annuali che si svolgono a novembre. Sebbene entrambi includano la preghiera e la celebrazione a lume di candela, il festival di Loi Krathong è particolarmente bello. Durante questo festival, le persone rilasciano nel fiume centinaia di piccole barche (fatte di foglie di banana) con una candela all'interno per rendere omaggio agli spiriti dell'acqua.

6. Wat Traim

Il Buddha d'oro al Wat Traimit

Wat Traimit nella Chinatown di Bangkok è un piccolo tempio con una grande attrazione: una statua di 5.500 chilogrammi di un Buddha seduto in oro, del valore di oltre $ 250 milioni. La statua d'oro, alta tre metri, risale alla dinastia Sukhothai e fu costruita probabilmente intorno al XIII secolo.

Il Buddha d'oro ha una storia simile al Buddha di smeraldo: originariamente era ricoperto di stucco per nasconderlo (e presumibilmente per proteggerlo dal furto) e riscoperto solo nel 1955 quando durante un trasloco lo stucco si scheggia, rivelando l'oro sotto.

Per coloro che sono interessati alla storia della statua, Wat Traimit ospita in realtà un museo con presentazioni video e foto che spiegano lo sfondo del Buddha d'oro, il suo tempo ad Ayutthaya e cosa è successo una volta spostata la statua.

Ulteriori mostre museali si concentrano sulla nascita di Chinatown e sull'impatto dei commercianti cinesi sullo sviluppo di Bangkok.

7. Wat Suwannaram

Wat Suwannaram

Wat Suwannaram iniziò la sua vita come un tempio diverso (Wat Thong), poi servì come luogo di esecuzione durante la guerra con la Birmania e successivamente come crematorio per i membri della famiglia reale. Fu solo quando il re Rama I ne ordinò il restauro nel 18° secolo che il tempio divenne la bellissima struttura che vedi oggi quando visiti.

Le caratteristiche più sorprendenti del tempio sono il gigantesco Buddha d'oro e i murales rossi che adornano pareti e soffitti: sono stati ben conservati e sono vibranti come quando erano dipinti secoli fa. I giardini del tempio sono perfetti per una tranquilla passeggiata, dar da mangiare ai pesci e molte opportunità fotografiche uniche, inclusa la piccola biblioteca magica su palafitte che si trova al centro di uno stagno.

8. Wat Mahathat

Testa di Buddha nelle radici degli alberi a Wat Mahathat

Tecnicamente fuori Bangkok, Wat Mahathat nell'antica città di Ayutthaya è perfetta per una gita di un giorno. La città vecchia di Ayutthaya fu la capitale ufficiale del paese fino al 1767, quando l'esercito birmano la rase al suolo e la distrusse gran parte. Oggi nel parco storico rimangono oltre 50 strutture – alcune più intatte di altre – ma il Wat Mahathat è uno dei più visitati.

Il tempio occupa una posizione centrale nel parco storico di 290 ettari e fu costruito probabilmente intorno al XIV secolo. Mentre il prang (torre) principale è crollato secoli fa, le torri che rimangono sono ancora impressionanti. Originariamente destinato a custodire le reliquie del Buddha, Wat Mahathat era un tempo uno dei monasteri più importanti di Ayutthaya, un luogo di venerazione dove si tenevano importanti cerimonie reali.

Oggi il tempio attrae visitatori per la famosa testa di Buddha incastonata in un tronco d'albero e circondata da radici.

  • Leggi di più:
  • Le migliori attrazioni turistiche di Ayutthaya
  • Da Bangkok ad Ayutthaya: 4 modi migliori per arrivarci

9. Wat Suthat

Wat Suthat

Wat Suthat Thepwararam è un tempio imponente a sé stante, ma è meglio conosciuto per l'altalena gigante che si trova all'esterno. Il Sao Ghingcha (conosciuto ufficiosamente come "l'altalena rossa gigante") è alto 21 metri ed è costruito interamente in legno di teak. L'altalena esiste in una forma o nell'altra dal 1784, ma ha dovuto essere ricostruita più volte perché l'esposizione alle intemperie deteriora il legno nel corso degli anni.

Fino al 1932, l'altalena gigante era letteralmente un'altalena: gli uomini la cavalcavano sospendendosi a 24 metri in aria e cercavano di prendere un sacco di monete con i denti. Non è sempre andata a finire bene, e alla fine la pratica è stata bandita e la parte oscillante rimossa.

All'interno del tempio, i visitatori possono vedere una statua di Buddha in bronzo proveniente dall'antica città di Sukhothai. Il cortile del tempio – ancora più sorprendente dell'interno del tempio – presenta 156 immagini di Buddha che circondano la cappella principale e molte statue scolpite a mano e dettagli che abbelliscono pareti e tetti.

10. Wat Prayoon

Wat Prayoon

Situato a pochi passi dal tempio dell'alba e dal fiume Chao Praya, Wat Prayoon è un piccolo tempio bianco circondato da giardini, uno stagno delle tartarughe e una serie di edifici splendidamente decorati, tra cui un wiharn (cappella) e un bot (sala di ordinazione ) ricoperto di mosaici colorati.

La struttura più imponente qui, tuttavia, è il chedi bianco in stile Ayutthaya sul retro del complesso . Il chedi a forma di campana, alto 80 metri, custodisce le reliquie del Buddha. Quando il chedi è stato restaurato e ridipinto di un bianco brillante a metà degli anni 2000, i lavoratori edili hanno scoperto una serie di amuleti e statue dal terreno sottostante: questi sono stati spostati in un piccolo museo all'interno del tempio.

Per un tocco di colore, non perdere la recinzione in ferro rosso brillante del tempio. Fu costruito utilizzando armi antiche come materia prima principale, e si estende dal cancello d'ingresso al chedi.

11. Tempio di Sri Mahamariamman

Tempio di Sri Mahamariamman

Il tempio indù più imponente di Bangkok potrebbe non essere enorme, ma compensa con una sorprendente facciata di colori e forme. Costruito verso la fine del 19° secolo, Sri Mahamariamman è difficile da perdere: l'ingresso principale presenta una gopura alta sei metri (una torre del cancello decorata nota anche come corpo di guardia) ricoperta di incisioni che rappresentano diverse divinità.

All'interno, il tempio presenta tre santuari e una sala principale, dove le statue di tutte le principali divinità – tra cui Ganesh, Krishna, Shiva e Vishnu – allineano le pareti. I visitatori che vogliono rendere omaggio possono acquistare ghirlande di fiori, incenso e frutta o dolci nei numerosi negozi nelle strade intorno al tempio.

La festa di Navrati a novembre è un evento colorato che prevede una parata, mentre Deepavali (o la "festa delle luci") trasforma il tempio in una lanterna gigante, con candele e lampade a olio che illuminano tutto.