12 migliori attrazioni turistiche a Brescia e facili gite di un giorno

Un capriccio della geografia ha mantenuto Brescia uno dei segreti nascosti del nord Italia. Il problema di Brescia è che è vicino a tanti luoghi da non perdere. Con il Lago di Garda a meno di 30 chilometri di distanza e il Lago di Como, Milano, Verona e Venezia tutti facilmente raggiungibili, i turisti tendono a trascurare le numerose attrazioni di Brescia.

Le antiche e nuove cattedrali di Brescia

Cogli l'occasione per socializzare con la gente del posto mentre cammini attraverso il foro lungo una strada che un tempo faceva parte della principale rotta romana da Bologna attraverso le Alpi. E non perderti uno dei musei storici più belli d'Italia, che comprende un'originale villa romana.

Un castello e un edificio in Piazza della Loggia ricordano il suo tempo sotto l'impero di Venezia, e alcune belle architetture rinascimentali sono la glassa sulla deliziosa torta bresciana. Scopri altre cose da vedere e da fare in città e nei dintorni con il nostro elenco delle principali attrazioni turistiche di Brescia.

Vedi anche: Dove dormire a Brescia

1. Civici Musei d'Arte e Storia Santa Giulia (Museo d'Arte e di Storia)

Mosaici nei Civici Musei d'Arte e Storia Santa Giulia | xiquinhosilva / foto modificata

Se non hai tempo per vedere nient'altro a Brescia, cammina dal centro lungo Via dei Musei attraverso l'antico Foro Romano e i suoi monumenti antichi fino a questo straordinario complesso museale ospitato in un ex monastero benedettino. Sotto il convento e munite di camminamenti di osservazione, si trovano case romane con pavimenti a mosaico.

Tra i reperti antichi, che comprendono altari e frammenti architettonici dal I secolo a.C. al V secolo d.C., spicca una notevole Vittoria Alata in bronzo di due metri. La Croce del Desiderio d'oro ingioiellata dell'VIII secolo mette in risalto i gioielli e l'oreficeria del Tesoro.

L'arte e l'architettura del medioevo bresciano e del veneziano completano il quadro del tardo gotico e del rinascimento. Da non perdere le chiese lombarde e romaniche e il Coro delle Monache, sontuosamente affrescato. Pochi musei hanno questa gamma, così ben esposta, e raramente un museo può fornire un'immagine così completa e avvincente di due millenni di storia di una città.

Indirizzo: Via Musei 81, Brescia

2. Tempio Capitolino

Tempio Capitolino

Sorgendo su un pendio, e originariamente raggiunto da un paio di scale, il tempio doveva aver fatto da sfondo drammatico al fulcro dell'attività romana. Oggi rimangono solo sei delle colonne corinzie, le cui parti originali in marmo bianco contrastano chiaramente con il restauro in mattoni del XIX secolo che le tiene in posizione.

Costruito nel 73 d.C., durante il regno di Vespasiano, e dedicato a Giove, Giunone e Minerva, l'imponente tempio conserva intatte le sue tre cellae (camere), dove si possono vedere gli originali altari e pavimenti di marmi colorati. I tour orari durano 50 minuti e hanno un'introduzione multimediale (disponibile in inglese).

Indirizzo: Via Musei 57, Brescia

Sito ufficiale: www.bresciamusei.com

3. Piazza del Foro e Teatro Romano

teatro romano

Fermati in questa piccola piazza e puoi quasi immaginarti qui nei primi secoli d.C., quando i romani costruivano grandiosi edifici classici nella loro città settentrionale di Brixia. Questo era il forum affollato e rimane abbastanza impressionante per sopravvivere per dare un'idea della sua grandezza. Ti trovi su una parte della strada principale romana, il Decumanus Maximus, che oggi è Via dei Musei ; cercare la pavimentazione originale con le facciate dei negozi scavate su un lato della piazza.

Accanto al restaurato Capitolium che sovrasta, puoi vedere il Teatro Romano del III secolo e i resti della Porta Est romana. Resti della basilica del I secolo sono integrati in un muro sull'adiacente piazza Labus.

4. Duomo Nuovo e Rotonda

Duomo Nuovo (Cattedrale Nuova) e Rotonda

L'una accanto all'altra, in drammatico contrasto, si ergono la vecchia e la nuova cattedrale, quest'ultima costruita nel XVII secolo, con una cupola centrale aggiunta nel 1825. Molto più interessante è la sua predecessore, soprannominata la Rotonda per la sua forma a tamburo.

All'interno di questa massiccia cattedrale dell'XI-XII secolo, cerca un sarcofago in marmo rosso scolpito; stalli del coro in legno intagliato; e le scale che scendono nella cripta, costruita tra il IX e l'XI secolo come parte della prima basilica. Cerca frammenti di pietra romana che sono stati riciclati per costruirlo.

Indirizzo: Piazza Paolo VI, Brescia

5. Castello

Castello

Un camminamento lastricato conduce attraverso i giardini al castello di Brescia, che sovrasta il centro storico. Roccaforte della potente famiglia Viscontea, il castello fu fortificato fin dal XIII secolo, ma il grande ingresso e il ponte levatoio furono aggiunti, insieme ai suoi massicci bastioni perimetrali, durante i quattro secoli in cui il dominio della Serenissima si estese a Brescia e oltre.

Oggi ospita il Museo delle Armi L. Marzoli e il Museo del Risorgimento , con mostre sul movimento indipendentista italiano della metà del 1800.

Indirizzo: Via Castello 9, Brescia

6. Piazza della Loggia

Piazza della Loggia

Tra le piazze più pittoresche del nord Italia, Piazza della Loggia evoca la storia veneta di Brescia, con i colonnati quattrocenteschi del Sansovino e del Palladio. La graziosa Loggia (municipio) all'estremità occidentale fu iniziata in stile primo rinascimentale nel 1492 e non completamente completata fino al 1674, con finestre del Palladio.

Di fronte, sopra un lungo colonnato, si trova un gigantesco orologio del 1581, sormontato da due 'Macc de le ure' (pazzi segnatempo) in legno e ricoperti di metallo. Il lungo palazzo sul lato sud, Monte di Pietà, ha una bella loggia in stile veneziano sopra l'ingresso. La piazza e la vicina Via X Giornate sono un luogo rinomato per lo shopping a Brescia.

7. Santa Maria della Carita

Santa Maria della Carità

In un luogo così caratterizzato dall'epoca romana e rinascimentale, è una sorpresa entrare in Santa Maria della Carità, che i locali chiamano semplicemente La Carità. È sfacciatamente barocco, con pale d'altare circondate d'oro e le sue pareti piene di affreschi. Questi salgono a un crescendo nella cupola, dove creano l'illusione di sontuosi elementi architettonici. Ma è tutto trompe-l'oeil, progettato per ingannare l'occhio.

Le colonne del portale, come quelle della porta del Broletto, furono recuperate dall'antica Basilica di San Pietro de Dom, demolita, per la quale erano state a loro volta recuperate da un edificio romano ancora precedente.

Indirizzo: Via dei Musei, Brescia

8. Broletto e Piazza Paolo VI

Broletto

Affacciato su Piazza Paolo VI accanto al Duomo Nuovo, e in netto contrasto con il suo smalto seicentesco quasi quanto la Rotonda sull'altro lato, si trova il Broletto del XII secolo. Questo era l'antico Municipio, con la Torre quadrata dei Poncarali aggiunta circa 100 anni dopo.

I pilastri di Porta Orientale, l'ingresso del Broletto, sono in granito egiziano. Risalgono all'epoca romana e costituivano l'ingresso di un'altra cattedrale, la demolita San Pietro de Dom. Dell'ex chiesa è stato recuperato anche un orologio all'interno del cortile. Piazza Paolo VI è un popolare luogo di ritrovo, con caffetterie lungo un lato con belle vedute del Broletto e delle cattedrali vecchie e nuove.

Indirizzo: Piazza Paolo VI, Brescia

9. Pinacoteca Tosio Martinengo

Inaugurato nel 2023 dopo anni di lavori di restauro, l'ex palazzo ospita una collezione di opere d'arte per lo più di maestri rinascimentali nati nella regione circostante. Opere di Giordano, Lotto, Ferramola, Veneziano, Tournier, Moretto, e un'intera sala di dipinti del Ceruti sono esposte nelle immense gallerie del palazzo, che sono state splendidamente restaurate. Due notevoli eccezioni al tema della nascita locale sono le opere di Raffaello e Canova, le cui sculture sono brillantemente messe in risalto dai colori profondi delle pareti del palazzo.

Una caratteristica del museo che delizierà artisti e studenti d'arte è la capacità di stare così vicino ai dipinti che ogni pennellata è visibile, anche sulle raffigurazioni di tessuti pregiati e merletti. Oltre ai dipinti e alla scultura, ci sono altre arti decorative del periodo, tra cui una stanza piena di arte vetraria; assicurati di guardare il suo soffitto di piastrelle.

Indirizzo: Piazza Moretto 1, Brescia

10. Brescia Sotterranea

Sulla tua mappa turistica di Brescia vedrai il fiume Mella che scorre lungo il lato occidentale della città. Quello che non vedrai sono la moltitudine di ruscelli e canali sotterranei che scorrono sotto le sue strade. Tre secoli fa, questi erano corsi d'acqua aperti che erano cruciali per l'industria e l'economia della città. A poco a poco furono scavalcati, costruiti e nascosti.

La loro esistenza fu in gran parte dimenticata fino a quando Brescia Underground, un'organizzazione scientifica e didattica dedicata alla ricerca su questi, iniziò a suscitare l'interesse del pubblico per la storia nascosta di Brescia. Puoi vedere i risultati del loro lavoro nei 13 cartelli stradali in giro per la città che dettagliano (in italiano e inglese) l'ubicazione e la storia di alcuni di questi.

In via San Faustino si può guardare in basso attraverso un passo d'uomo in vetro rinforzato. Brescia Sotterranea offre anche due tour, uno per lo più fuori terra che descrive la storia dei corsi d'acqua, e un tour più lungo in cui è possibile indossare casco e stivali per esplorare le vere e proprie gallerie e torrenti sotterranei.

Sito ufficiale: www.bresciaunderground.com/english

11. Santa Maria dei Miracoli

Santa Maria dei Miracoli

La chiesetta di Santa Maria dei Miracoli fu danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e notevolmente restaurata all'interno, ma la sua notevole facciata fu coperta da impalcature al momento del bombardamento e rimase intatta. L'elegante portico e la facciata del primo Rinascimento sono ricoperti da rilievi marmorei finemente scolpiti risalenti al XV secolo.

La chiesa prende il nome e la dedica da un affresco della Madonna col Bambino davanti a una casa che sorgeva sul sito. Al tempo della peste, alla fine del 1400, si diceva che l'affresco avesse poteri miracolosi e suscitò un tale scalpore che la gerarchia cattolica acquistò la proprietà e costruì la chiesa.

Indirizzo: Corso Martiri da Libertá, Brescia

12. Grande teatro

Grande teatro | Marco Assini / foto modificata

A sud del Duomo, sull'affollato Corso Zanardelli, il settecentesco teatro del Teatro Grande ha un fitto programma di concerti, balletti, opere, spettacoli teatrali e festival musicali. Vale la pena assistere a uno spettacolo solo per vedere il magnifico auditorium con il suo soffitto a cassettoni, abbellimenti dorati e file di scatole di peluche rosse.

Nei mesi di luglio e agosto il Teatro Grande propone concerti d'opera gratuiti in tutta la provincia di Brescia con arie famose e anche meno conosciute, eseguite in ville, castelli e chiese.

Indirizzo: Corso Zanardelli 9a, Brescia

Sito ufficiale: http://www.teatrogrande.it/en/

Dove dormire a Brescia per visite turistiche

Consigliamo questi hotel e pensioni altamente qualificati a Brescia con facile accesso alle principali attrazioni della città:

  • B&B Corso Matteotti 62 : Questo grazioso B&B in posizione centrale dispone di camere confortevoli e colazione inclusa.
  • Hotel Ambasciatori : A pochi passi dalle principali attrazioni, questo hotel di fascia media dispone di un personale cordiale, una sala fitness e colazione gratuita.
  • Hotel Master : Il parcheggio gratuito è un vantaggio per un hotel con tariffe economiche in questa posizione vicino alle attrazioni.
  • Le Muse Bed and Breakfast: Questo B&B economico nel centro storico ha un arredamento contemporaneo e un proprietario ospitale.

Gite di un giorno da Brescia

Lago d'Iseo (Lago d'Iseo)

Lago d'Iseo (Lago d'Iseo)

Questo bellissimo lago alpino ha attorno alle sue sponde diverse località interessanti, tra cui il porticciolo di Iseo, dove meritano una sosta una chiesa romanica del XII secolo e un piccolo castello. Ma la caratteristica più suggestiva del lago è il fitto bosco di Monte Isola, un'isola che si erge ripida fino a quasi 609 metri, coronata dal Santuario della Madonna della Ceriola.

Le viste dalla chiesa raggiungono le Alpi. Prendi il piccolo traghetto da Sulzano, sulla sponda orientale, al piccolo villaggio di pescatori di Peschiera Maraglio , aggrappato alla ripida costa dell'isola.

Incisioni Rupestri di Naquane (Parco Nazionale dell'Arte Rupestre)

Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane (Parco Nazionale dell'Arte Rupestre)

A nord del Lago d'Iseo, la Val Camonica (Val Camonica) è disseminata di incisioni rupestri preistoriche raffiguranti la vita quotidiana delle genti che qui vissero nel Paleolitico (8.000-5.000 aC).

Il Parco Nazionale di Naquane a Capo di Ponte è uno dei tanti siti dove è possibile vedere queste incisioni, che sono raggruppate come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, ed è il migliore per informazioni interpretative e una visione facilmente accessibile. Le incisioni sono su rocce esposte e cenge sparse per tutto il sito.

Indirizzo: Capo di Ponte

Sito ufficiale: www.archeocamuni.it/naquane_info_en.html

Mappa di Brescia – Attrazioni (Storiche)