22 migliori attrazioni e cose da fare al Cairo

Il Cairo è una delle grandi megalopoli del mondo. Tanto bella e ricca di raffinatezze storiche quanto confonde e un assalto ai tuoi sensi per i visitatori per la prima volta, Il Cairo tende ad essere una città che i viaggiatori amano e odiano in egual misura.

Il rumore, l'inquinamento e il traffico possono rendere difficile la prima visita qui, ma la capitale dell'Egitto ha così tanto da offrire ai viaggiatori che guardano oltre i suoi problemi.

Pieno di vigore, il Cairo è il luogo in cui puoi davvero avere un'idea della vita di strada egiziana. Nessun viaggio in Egitto è completo senza un soggiorno nella città che gli arabi chiamano Umm al-Dunya (La Madre del Mondo).

La principale attrazione turistica che tutti sono qui per vedere sono le Piramidi di Giza alle porte della città, ma la città stessa è piena zeppa di importanti monumenti che abbracciano secoli di storia. Ci sono così tante cose da fare al Cairo che sarai in grado di coprire solo una scheggia in un viaggio.

Per concentrare la tua visita e pianificare il tuo tempo, usa il nostro elenco delle principali attrazioni e cose da fare al Cairo.

Vedi anche: Dove alloggiare al Cairo

1. Ammira le Piramidi di Giza

Piramidi di Giza

Le Piramidi di Giza sono la gita di mezza giornata numero uno del Cairo e un'attrazione da non perdere nell'itinerario di tutti.

Proprio ai margini della città, sull'altopiano di Giza, questi templi funerari della quarta dinastia incantano i viaggiatori da secoli e continuano ad essere uno dei principali punti salienti del paese.

Nonostante il caldo, la polvere e il trambusto turistico, non puoi perderti una gita qui.

La Piramide di Cheope (chiamata anche Grande Piramide o Piramide di Cheope) è la più grande piramide del gruppo di Giza, e il suo interno di stretti passaggi può essere esplorato, anche se non c'è molto da vedere, tranne una semplice camera tombale con un sarcofago vuoto.

Direttamente dietro la Grande Piramide si trova il Museo della Barca Solare , che espone uno dei brigantini solari cerimoniali rinvenuti nell'area che è stata accuratamente riportata al suo splendore originale.

Più a sud sull'altopiano si trova la Piramide di Chefren (conosciuta anche come Piramide di Chefren), con un'area interna a tunnel, a cui si può accedere, e la Piramide di Micerino più piccola (Piramide di Menkaure).

A guardia di questi templi funebri c'è la Sfinge dal corpo di leone e dalla faccia di faraone; uno dei monumenti iconici del mondo antico.

L'altopiano di Giza accoglierà un'altra attrazione quando il Grand Egyptian Museum (GEM) sarà finalmente terminato.

Una volta aperto, sarà il più grande museo al mondo dedicato all'esposizione delle antichità di una singola civiltà, mostrando una ricchezza di manufatti dell'antico Egitto, molti dei quali non sono mai stati visti prima dal pubblico.

Dopo una costruzione stop-start, afflitta da difficoltà finanziarie, la data di apertura del museo è stata fissata per la fine del 2023.

L'altopiano della piramide si trova ai margini dell'espansione suburbana di Giza, a circa 13 chilometri a sud-ovest del centro della città.

La maggior parte delle persone arriva in taxi, ma è anche accessibile con una combinazione più facile di quanto pensi di prendere la metropolitana per Giza e poi salire su un minibus locale che ti lascia fuori dall'ingresso.

Poiché l'area delle piramidi è piuttosto estesa, tuttavia, molti viaggiatori scelgono di visitare l'area in tour, spesso includendo un giro in cammello o a cavallo.

Una buona opzione per i visitatori per la prima volta è la gita privata di mezza giornata alle piramidi di Giza con Camel-Riding. Ciò include il ritiro e la riconsegna al tuo hotel, una guida, il pranzo e 25 minuti su un cammello.

Indirizzo: Via Al-Ahram, Giza

  • Leggi di più: Piramidi di Giza: attrazioni, consigli e tour

2. Vedi una delle grandi collezioni del mondo nel Museo Egizio

Esterno del Museo Egizio

La collezione assolutamente sbalorditiva di antichità esposta nel Museo Egizio del Cairo lo rende uno dei più grandi musei del mondo . Avresti bisogno di una vita per vedere correttamente tutto in mostra.

Il museo fu fondato nel 1857 dall'egittologo francese August Mariette e si trasferì nella sua attuale sede, nella caratteristica villa rosa cipria nel centro del Cairo, nel 1897.

Sì, la collezione è mal etichettata e non ben organizzata per motivi di spazio (e solo una parte del suo patrimonio totale è effettivamente esposta).

Attualmente soffre anche di alcune custodie vuote a causa di manufatti che sono già stati trasferiti nel nuovo Grand Egyptian Museum (GEM) non ancora aperto, ma non puoi ancora non rimanere colpito dalla pura maestosità dei reperti.

Scimmia mummificata al Museo Egizio | Foto Copyright: Lana Law

Se hai poco tempo, dirigiti in linea retta verso le Gallerie di Tutankhamon .

I tesori qui esposti sono stati tutti trovati nella tomba di Tutankhamon, genero e successore di Amenophis IV (poi Akhenaton), morto all'età di 18 anni.

La tomba, scoperta da Howard Carter nella Valle dei Re nel 1922, conteneva il più grande e ricco insieme di corredi funerari mai trovato intatto in una tomba egizia.

I punti salienti includono la maschera mortuaria e i sarcofagi di Tutankhamon ( sala 3 ), il trono di leone del faraone ( sala 35 ) e la sua affascinante collezione di guardaroba ( sala 9 ).

In seguito, non perderti una passeggiata nella collezione di gioielli egizi ( Sala 4 ), che contiene più gioielli di quanti ne vedrai mai più in una vita.

Anche quando il GEM aprirà, questo edificio iconico sarà ancora utilizzato come museo. Non è ancora chiaro quali collezioni rimarranno sicuramente qui e quali saranno trasferite al GEM una volta aperte.

Le Gallerie Tutankhamon si stanno sicuramente spostando e formeranno la mostra clou all'interno del nuovo GEM. Nel frattempo, nell'aprile 2023, la Collezione delle Mummie Reali del Museo Egizio è stata trasferita al Museo Nazionale delle Civiltà Egizie (NMEC) per ripartire ulteriormente la grande quantità di ricchezze faraoniche dell'Egitto tra i musei del Cairo.

Il Museo Egizio si trova proprio accanto a Midan Tahrir, la piazza centrale del centro del Cairo.

Il modo più semplice per arrivare qui è prendere la metropolitana del Cairo fino alla stazione Sadat (su Midan Tahrir) e seguire le indicazioni per l'uscita del museo.

Località: Midan al-Tahrir, centro

3. Ammira la Moschea di Al-Azhar

Moschea di Al Azhar

La moschea Al-Azhar è l'edificio più bello dell'era fatimide del Cairo e una delle prime moschee sopravvissute della città, completata nel 972 d.C.

È anche una delle università più antiche del mondo: il califfo El-Aziz le conferì lo status di università nel 988 d.C. (l'altra università in lizza per lo status di "più antica" è a Fes) e oggi l'Università di Al-Azhar è ancora il principale centro teologico del mondo islamico.

L'ingresso principale è la Porta dei Barbieri sul lato nord-ovest dell'edificio, adiacente alla facciata neoaraba costruita da Abbas II.

Lascia le scarpe all'ingresso ed entra nel cortile centrale. Alla tua destra c'è la El-Taibarsiya Medrese, che ha un mihrab (nicchia di preghiera) risalente al 1309.

Dal cortile centrale, si ottengono le migliori viste sui cinque minareti della moschea, che ricoprono l'edificio.

Dall'altra parte del cortile si trova la sala di preghiera principale, che si estende su un vasto 3.000 metri quadrati. La metà anteriore fa parte dell'edificio originale, mentre la metà posteriore è stata aggiunta da Abd el-Rahman.

La Moschea Al-Azhar si trova proprio nel cuore del quartiere islamico del Cairo ed è facilmente raggiungibile in taxi.

Al-Azhar Street corre a est da Midan Ataba, nel centro della città, fino alla piazza dove si trova la moschea.

Indirizzo: via Al-Azhar, distretto islamico del Cairo

Mappa della moschea di El-Azhar (storica)

4. Esplora la storia copta nel vecchio Cairo (Il Cairo copto)

Vecchio Cairo

Questo piccolo gruppo di vicoli tortuosi pieno di chiese si trova all'interno delle mura dell'Antica Babilonia, dove l'imperatore romano Traiano costruì per la prima volta una fortezza lungo il Nilo.

Parti delle torri romane presiedono ancora la via principale.

Il Museo Copto qui contiene una ricchezza di informazioni sul periodo paleocristiano dell'Egitto ed è sede di una delle più belle collezioni d'arte copta dell'Egitto.

Accanto, la Chiesa sospesa del IX secolo contiene alcuni begli esempi di architettura copta. Fondata nel IV secolo, la chiesa fu originariamente costruita sopra le torri della porta romana (da cui il nome) e fu sostanzialmente ricostruita nel corso del IX secolo.

Per molti viaggiatori cristiani, tuttavia, il vero momento clou di una visita a questo quartiere è la Chiesa di San Sergio e Bacco , dove la leggenda locale dice che la Vergine Maria, il bambino Gesù e la famiglia si rifugiarono durante il massacro di bambini maschi da parte di re Erode.

Più avanti nel quartiere, si arriva alla Sinagoga Ben Ezra , che si dice sia stata costruita vicino al punto in cui fu trovato il bambino Mosè tra le canne.

Appena fuori dal quartiere, puoi anche visitare la Moschea di Amr Ibn al-As ; la prima moschea costruita in Egitto.

Il Cairo copto è più facile da raggiungere prendendo la metropolitana del Cairo fino alla stazione di Mar Girgis.

Località: Sharia Mar Girgis, a sud del centro

Vecchia mappa del Cairo (storica)

5. Trascorri del tempo esplorando Saqqara e Dahshur

Saqqara

La vasta necropoli di Saqqara e il vicino sito di Dahshur ospitano le "altre piramidi" e una gita di un giorno qui è gratificante quanto una gita alle piramidi di Giza. I siti si trovano a circa 30 chilometri a sud del Cairo.

La piramide a gradoni è l'attrazione turistica più popolare di Saqqara, ma l'intera area è disseminata di tombe splendidamente dipinte, che vale la pena dedicare qualche ora all'esplorazione.

Saqqara è così grande e la sua storia come luogo di sepoltura così vasta che gli scavi qui continuano a portare alla luce reperti che fanno notizia in tutto il mondo.

Proprio in fondo alla strada c'è la Piramide Rossa e la Piramide Bent di Dahshur , da non perdere. Aspettati che anche l'itinerario più breve qui richieda almeno mezza giornata.

  • Leggi di più: Esplorando Saqqara: una guida per i visitatori

6. Visualizza le mummie reali al NMEC

A differenza di molti altri importanti musei del Cairo, che concentrano tutti le loro mostre su un'epoca specifica, il Museo Nazionale delle Civiltà Egizie (NMEC) è dedicato a raccontare l'intera storia della storia umana dell'Egitto sotto lo stesso tetto.

Il museo è stato parzialmente aperto nel 2017 e sta lentamente costruendo le sue mostre. La sua attrazione principale è arrivata nell'aprile 2023, quando la Royal Mummies Collection ha trovato qui la sua nuova sede permanente.

Sebbene la collezione completa del museo non sia in alcun modo ancora completa, è qui che vieni ora a vedere le mummie faraoniche più famose d'Egitto .

Ramses II e III, Hatshepsut, Amenhotep I e Seti I e II sono tra i nomi estremamente familiari di 22 mummie che sono esposte in una Royal Mummies Gallery appositamente progettata.

NMEC è a Fustat ed è facilmente combinabile con una visita al Cairo copto . Il museo è una semplice passeggiata di tre chilometri dalle chiese copte del Cairo, o una breve corsa in taxi.

Indirizzo: Via Al Fustat, Cairo

7. Fai acquisti nel labirinto di Khan el-Khalili

Lampade egiziane colorate in vendita a Khan el-Khalili

Khan el-Khalili è una delle migliori esperienze di shopping del mondo.

Questo suq (bazar) è una collezione labirintica di vicoli stretti nata come quartiere dello shopping nel 1400 d.C., che risuona ancora del clangore di metalmeccanici e argentieri.

Le strade principali si sono da tempo completamente cedute al commercio turistico (con un sacco di immagini di papiri a buon mercato e piramidi di plastica in mostra), ma deviano dalla via principale nei vicoli circostanti, e i minuscoli negozi e le officine disordinate sono alcune delle migliori posti da visitare per raccogliere prodotti tradizionali in Egitto.

Qui troverai di tutto, dagli oggetti d'antiquariato e splendidi paralumi in metallo ai tessuti locali.

Negozio Khan el-Khalili

Mentre sei qui, fermati alla caffetteria più famosa del Cairo, Fishawis , dove caffè arabo sciropposo e tè dolce vengono serviti a turisti e commercianti locali a un ritmo rapido.

Per gli acquirenti, la strada principale del suq è Al-Muski Street (chiamata Gawhar al-Qaid Street all'estremità orientale).

I laboratori dell'oro e dell'argento si riuniscono per lo più appena a nord dell'incrocio di questa strada con Al-Muizz Li-Din Allah Street , mentre la sezione del mercato delle spezie è appena a sud.

Il mercato è circondato sul lato orientale dalla moschea Sayyidna el-Husein , costruita nel 1792 per onorare il nipote del profeta Maometto.

L'ingresso più semplice per l'area di Khan el-Khalili è dall'altra parte della strada rispetto alla Moschea di Al-Azhar.

Posizione: fuori Al-Azhar Street, distretto islamico del Cairo

Mappa del quartiere del bazar del Cairo (storica)

8. Ottieni viste sulla città dalla Cittadella

La Cittadella

In una posizione dominante ai piedi delle colline Mokattam, la cittadella del Cairo fu costruita da Saladino nel 1176.

La struttura originale da lui disegnata è scomparsa da tempo ad eccezione delle mura esterne orientali, ma un'eredità di sovrani ha fatto le proprie aggiunte qui.

La Moschea di Muhammad Ali è il monumento più famoso e il motivo principale della visita. Soprannominata la "Moschea dell'alabastro", la sua pietra bianca e i suoi minareti alti e sproporzionatamente sottili sono uno dei grandi monumenti del Cairo.

L'altro grande motivo per venire qui sono le viste sulla città; dirigiti verso la Gawhara Terrace per il miglior panorama della città .

Appena a nord-est della Moschea Muhammad Ali si trova la Moschea El-Nasir , costruita nel 1318-35 da Mohammed el-Nasir.

Una collezione di musei piuttosto timidi (il Museo della Polizia, il Museo Militare Nazionale e il Museo delle Carrozze) occupa alcuni degli altri edifici in loco e vale la pena visitarli per l'architettura degli edifici reali piuttosto che per le mostre stesse.

Puoi raggiungere a piedi l'area della cittadella da Bab Zuweila, se ti senti energico, dirigendoti lungo Khayyamiyya Street. La passeggiata dura circa 30 minuti.

Località: Off Midan Salah-ad-Din, distretto islamico del Cairo

Mappa della cittadella del Cairo (storica)

9. Ammira l'architettura mamelucca nella Moschea del Sultano Hassan

Moschea Sultan Hassan

Uno dei migliori esempi di architettura mamelucca al mondo, la Moschea del Sultano Hassan è una visione dell'arte islamica con un'abbondanza di dettagli di stalattiti e intricati elementi arabeschi.

Fu costruito nel 1356-63 per il sultano Hassan el-Nasir.

L'imponente portale principale all'angolo nord è alto quasi 26 metri e il minareto all'angolo sud è il più alto del Cairo con i suoi 81,5 metri.

Il portale principale immette in un vestibolo a cupola, al di là del quale si trovano una piccola anticamera e un corridoio che conduce alla corte aperta ornata incentrata attorno a una fontana di abluzione.

Da qui, una porta di ferro immette nel mausoleo del sultano dove sopravvivono ancora i pennacchi stalattitici della cupola originaria. Al centro della camera si trova il semplice sarcofago del sultano.

Direttamente di fronte alla Moschea del Sultano Hassan si trova la Moschea El-Rifai , costruita nel 1912 per ospitare la tomba di Khedive Ismail e costruita per replicare il suo vicino più antico.

Qui è sepolto anche l'ex scià dell'Iran, Mohammed Reza Pahlavi (1919-1980).

Entrambe le moschee siedono in modo prominente su Midan Salah ad-Din, direttamente sotto la Cittadella del Cairo.

Località: Midan Salah-ad-Din, distretto islamico del Cairo

Mappa della Moschea del Sultano Hassan (storica)

10. Visita il Museo di Arte Islamica

I gravi danni subiti da un'autobomba nel 2014 hanno portato questo museo a chiudere le porte al pubblico per anni, ma fortunatamente ora è stato riaperto.

Il Museo di Arte Islamica del Cairo custodisce una delle più importanti collezioni di arte mediorientale al mondo.

Tra gli altri oggetti sono in mostra piastrelle ottomane, ceramiche ayyubidi, affreschi, intarsi in legno delicatamente modellati, monete, lapidi in marmo scolpito e tappeti dai toni gioiello.

Decisamente trascorri un po' di tempo esaminando il Corano illuminato e le mostre di ceramiche, cristalleria e oggetti in metallo riccamente decorativi.

Quindi passa ad ammirare la ricca collezione di gioielli e le sale dedicate all'astronomia e ad altre scienze, dove troverai astrolabi altamente dettagliati e altre attrezzature.

Una visita qui è un viaggio attraverso l'ampiezza e la ricchezza del patrimonio islamico.

Il museo si trova ai margini del quartiere islamico del Cairo, quindi è un buon posto per iniziare o terminare una visita al quartiere. È facilmente raggiungibile a piedi (dopo aver attraversato una strada principale orribilmente trafficata) da Bab Zuweila.

Indirizzo: Midan Bab Al Khalq, distretto islamico del Cairo

11. Sali sul tetto di Bab Zuweila

Bab Zuweila | upyernoz / foto modificata

Di tutte le porte del distretto islamico del Cairo, Bab Zuweila è la più interessante.

Puoi salire in cima a questa reliquia di epoca medievale (costruita nell'XI secolo) per ammirare incredibili viste sul tetto del Cairo islamico.

La porta stessa ha due minareti ed è l'ultima porta meridionale del centro storico ancora in piedi.

Proprio accanto c'è la muratura in pietra rossa e bianca della Moschea dello Sceicco al-Mu'ayyad , e pochi passi più in là si trovano le affascinanti bancarelle di artigiani della Via dei Fabbricanti di Tende , dove il tessuto luminoso dell'Egitto utilizzato per matrimoni e altre occasioni speciali viene venduto sfuso.

Indirizzo: Al-Muiz li-Din Allah Street, distretto islamico del Cairo

12. Passeggia lungo Al-Muizz li-Din Allah Street

Al-Muizz li-Din Allah Street | Kyle Taylor / foto modificata

La sezione settentrionale di Al-Muizz li-Din Allah Street è bordata da begli edifici mamelucchi, che sono stati accuratamente riportati al loro antico splendore.

La Madrassa di as-Salih Ayyub , costruita nel 1247, è una vetrina della tranquilla semplicità dell'architettura islamica.

Direttamente dall'altra parte della strada rispetto alla madrassa si trova la splendida Madrassa di Qalaun, giustamente considerata uno dei più grandi trionfi architettonici del periodo mamelucco.

Fu completato nel 1293 dal figlio di Qalaun, Muhammad al-Nasir, e ha un interno pieno zeppo di intricate piastrelle, marmi pregiati, mosaici di madreperla e vetrate colorate. La madrassa di Qalaun fungeva anche da ospedale quando è stata aperta per la prima volta.

Un po' più a nord si trova la madrassa più giovane (costruita nel 1309) di an-Nasr Mohammed con molti dettagli ornati da ammirare, prima di arrivare al favoloso Museo del Tessuto Egizio con una collezione che abbraccia l'era faraonica fino al periodo islamico.

Indirizzo: Al-Muizz li-Din Allah Street, distretto islamico del Cairo

13. Visita la Moschea di Ibn Tulun

Moschea Ibn Tulun

La seconda moschea più antica ancora in piedi al Cairo, la Moschea Ibn Tulun, fu costruita tra l'876 e l'879 d.C. e modellata sulla Kaaba della Mecca (Arabia Saudita).

All'epoca in cui fu costruita, era la più grande moschea esistente.

I colonnati della corte principale hanno abbondanti frammenti superstiti di intricati fregi in mostra e si aprono su una serie di sale dalla facciata stretta.

La sala di preghiera principale (sul lato meridionale della corte) conserva ancora frammenti della sua decorazione più antica di stucco e legno intagliato, e il mihrab qui ha resti della sua decorazione originale a mosaico in oro.

Sul lato settentrionale della moschea si trova il minareto alto 40 metri con un bel arco a ferro di cavallo sopra l'ingresso e una scala a chiocciola che vortica attraverso l'interno. È modellato sui minareti della Grande Moschea di Samarra sul Tigri.

Se sali i 173 gradini fino alla sua piattaforma superiore, ci sono viste superbe che si estendono sul mare di case a nord e sulle colline Mokattam a est.

È una facile passeggiata dalla Moschea del Sultano Hassan alla Moschea Ibn Tulun camminando dritto lungo Al-Saliba Street.

Indirizzo: Via Al-Saliba

Mappa della moschea di Ibn Tulun (storica)

14. Rilassati nel verde del parco Al-Azhar

Parco Al Azhar | Elizabeth Skene / foto modificata

Costruito su quella che era essenzialmente una discarica medievale, Al-Azhar Park è il polmone verde del vecchio distretto.

È stato aperto nel 2005 e offre una tregua tanto necessaria al caos sovraffollato del trambusto delle strade del Cairo.

All'interno, i giardini gloriosamente curati sono un luogo incantevole per una passeggiata serale, soprattutto perché le viste sull'intera città vecchia sono meravigliose da qui al tramonto.

Ci sono anche un paio di ristoranti in loco, quindi è il posto perfetto per rimettersi in sesto dopo una lunga giornata di visite turistiche.

Se vieni nel fine settimana, il parco è pieno di famiglie locali che sfuggono al rombo del traffico circostante che avvolge il resto del Cairo.

Il parco Al-Azhar è più facilmente visitabile prendendo un taxi, ma se ti trovi già nel quartiere islamico del Cairo e non fa troppo caldo, puoi svoltare a est su Darb al-Ahmar Street da Bab Zuweila e camminare fino all'ingresso inferiore del parco .

Indirizzo: Via Salah Salem

15. Esplora il distretto dell'isola del Nilo di Zamalek

torre del Cairo

L'isola del Nilo di Gezira ospita il quartiere di Zamalek e la maggior parte delle boutique artistiche e dei ristoranti hipster del Cairo.

Risalente alla metà del 19° secolo, l'intera area ha un'atmosfera decisamente europea per la sua architettura con ampi viali bordati da alberi e palazzi della Belle Époque splendidamente decorati (molti dei quali ora sono sede di varie ambasciate).

Zamalek è la principale destinazione gastronomica del Cairo, ma ci sono anche numerose gallerie d'arte da esplorare.

Il Museum of Modern Egyptian Art, nel quartiere fieristico di Gezira, ha una bella collezione di arte egizia del XX secolo, comprese opere di Mahmoud Said e Mahmoud Mukhtar.

Nelle vicinanze, di fronte al Teatro dell'Opera del Cairo, si trova il Museo Mahmoud Mukhtar, recentemente riaperto, che custodisce una piccola collezione di opere del famoso scultore egiziano.

Anche se non sei particolarmente interessato all'arte, dai un'occhiata all'Aisha Fahmy Palace di recente apertura, appena fuori la Sharia, il 26 luglio a Zamalek. Questa dimora del 1907 è stata finemente restaurata riportandola al suo splendore originale e i suoi interni rococò sono un motivo per visitarla tanto quanto le mostre d'arte a rotazione che ora ospita.

Gran parte della sezione meridionale di Gezira è occupata dagli esclusivi campi da tennis e dal maneggio del Gezira Sports Club, ma domina soprattutto la lussureggiante vegetazione è la Torre del Cairo alta 187 metri, costruita nel 1961 dal presidente Nasser. Un viaggio sul ponte di osservazione al tramonto per vedere il tramonto sulla città è d'obbligo.

16. Visita il Nilometro rimanente del Cairo

Nilometro dell'isola di Roda | David Stanley / foto modificata

L'incantevole isola di Roda, appena a sud dell'isola di Gezira, ospita il Palazzo Monastirli , un tempo residenza di un pascià ottomano.

All'interno dei giardini del palazzo, proprio all'estremità meridionale dell'isola, si trova il Nilometro del Cairo, utilizzato per misurare il flusso e riflusso del Nilo e prevedere l'altezza annuale delle inondazioni.

A differenza dei nilometri che vedrai nell'Alto Egitto (come il nilometro sopravvissuto sull'isola Elefantina ad Assuan), questo è una costruzione molto più tarda, costruita nell'861 d.C.

Nel parco del palazzo si trova anche il piccolo Museo Umm Khalthum, che celebra la vita della famosa diva egiziana.

Umm Khalthum (1898-1975) è l'amata cantautrice del mondo arabo e sentirai la sua musica ovunque tu vada in Egitto, esplosa in strada dagli ahwas (caffetterie tradizionali) e sullo stereo di quasi tutti i taxi.

All'interno, il museo custodisce una collezione dei beni della cantante, compresi i suoi favolosi costumi di scena con lustrini, e c'è un interessante documentario in bianco e nero sulla sua vita (con sottotitoli in inglese).

Fuori dal palazzo, le strade di Roda Island sono divertenti da passeggiare e conservano ancora l'architettura fatiscente di un palazzo dell'inizio del XX secolo.

17. Vedi il sontuoso interno del palazzo Manyal

Palazzo Manyal

L'estremità nord dell'isola di Roda ospita il Palazzo Manyal, splendidamente decorato.

Dopo un ampio restauro, durato diversi anni, è stato riaperto al pubblico.

Gli edifici qui sono un eccentrico tripudio di stili che selezionano le influenze sia dal tradizionale arabo che dal sontuoso design europeo, risultando in una sinfonia di interni esagerata e sontuosa.

Dai un'occhiata al Palazzo della Reception, dove sono stati ospitati gli ospiti, con i suoi elaborati soffitti in legno, e poi al Palazzo Residenziale con i suoi svolazzi rococò, piastrelle in stile ottomano e dipinti ad olio.

Il Palazzo del Trono, decorato d'oro, è il vero punto forte qui, però.

Il complesso fu costruito all'inizio del XX secolo dallo zio del re Farouk. Si trova all'interno di lussureggianti giardini verdi sulla costa dell'isola.

18. Gita di un giorno ad Al-Fayum

Fayoum-paesaggio

La depressione di Al-Fayoum, 112 chilometri a sud del Cairo, è una splendida giornata fuori città, con un'abbondanza di incredibili bellezze naturali e una manciata di eccellenti siti storici, tutti raggiungibili in due ore di auto.

Il lago Qarun e il Wadi Rayyan sono le principali attrazioni per gli amanti della natura selvaggia, con un'abbondante avifauna in mostra, compresi i fenicotteri.

Se desideri pernottare, il villaggio degli artisti di Tunisi (dove è possibile acquistare alcune delle migliori ceramiche egiziane) è la destinazione scelta dalla maggior parte dei visitatori.

Al-Fayoum

Le attrazioni turistiche storiche di Fayoum includono le rovine di Medinet Madi , con il suo tempio risalente al Regno di Mezzo, e una serie di piccole piramidi, la migliore delle quali è la Piramide di Meidum e la Piramide di Hawara.

La vista da non perdere a Fayoum, tuttavia, è la valle desertica di Wadi Al-Hittan , patrimonio dell'UNESCO, dove è possibile vedere gli scheletri di basilosauro e dorodontus (balene preistoriche) di 40 milioni di anni che sono stati portati alla luce qui.

19. Moschea di Al-Hakim

Moschea di Al-Hakim

Il califfo Al-Hakim è uno dei sovrani più affascinanti dell'Egitto.

Questo leader fatimide era famoso per il suo terrificante governo sulla terra, che includeva frequenti omicidi del personale della sua famiglia reale; pattuglie notturne per le strade della sua città, vestito in incognito da asino per assicurarsi che i suoi sudditi si comportassero bene; e l'emanazione di bizzarre sentenze in tutto il paese (come il divieto di mangiare la foglia di malva egiziana, chiamata molokheya, perché solo lui voleva poterla consumare).

La sua moschea, terminata nel 1013 d.C., ha funzionato nel corso dei secoli come madrassa, fortezza dei crociati e ospedale psichiatrico ed è stata completamente restaurata negli anni '80.

I minareti qui sono gli elementi architettonici più interessanti. In origine erano rotondi e il loro attuale involucro quadrato e le sezioni superiori a cupola (che ricordano un bruciatore di incenso arabo) risalgono alla loro ricostruzione dopo il terremoto del Cairo del 1303.

La moschea si trova tra due delle porte più importanti del quartiere della città vecchia. Bab el-Futuh (Porta delle Conquiste) sul lato occidentale della moschea e Bab el-Nasr (Porta della Vittoria) a est sono simili nella forma alle antiche porte della città romana e furono entrambe costruite nel 1087.

Puoi camminare tra la Moschea di Al-Azhar e la Moschea di Al-Hakim seguendo Al-Mu'izz li-Din Allah Street fino a nord.

Indirizzo: Al-Galal Street, distretto islamico del Cairo

20. Esplora l'architettura del centro del Cairo

Centro del Cairo

Se vuoi catturare un'idea del Cairo di fine Ottocento, quando la città era soprannominata la "Parigi dell'Est", fai una passeggiata nel centro cittadino con lo sguardo distolto verso l'architettura annerita dagli scarichi delle auto piuttosto che sul bolgia a livello della strada.

L'intera area è piena zeppa di splendidi ma fatiscenti edifici della Belle Époque, che dovevano sembrare incredibilmente affascinanti quando furono costruiti per la prima volta.

Alcuni dei migliori resti sono intorno a Midan Talaat Harb .

All'estremità occidentale del centro, in Al-Gumhuriya Street, si trova il Palazzo Abdin del XIX secolo, un tempo dimora degli ultimi khedive d'Egitto.

Oggi, gli ex appartamenti privati ​​del re sono aperti come un museo e contengono una bizzarra collezione di immagini, arazzi e doni che sono stati dati ai presidenti d'Egitto da dignitari in visita.

Il centro del Cairo è facilmente percorribile a piedi, se non ti dispiace schivare il traffico mentre attraversi le strade.

21. Gita di un giorno a Tanis

Tanis

I resti dell'antica Tanis, capitale dei re taniti della 21a e 22a dinastia, giacciono nel nord-est della regione del delta del Nilo, ancora in parte sepolta sotto il crinale delle colline.

Tanis è probabilmente più conosciuta come la città perduta in cui Indiana Jones ha trovato l'Arca dell'Alleanza nel film classico I predatori dell'arca perduta .

La trama del film non ha nulla a che fare con il vero sito archeologico, anche se Tanis è stato effettivamente "perso" per secoli fino a quando i lavori archeologici qui nel 1939 sono finalmente riusciti a nominare questo sito come la città.

I resti scavati non sono stati ricostruiti come in altri siti dell'Antico Egitto, ma sono pieni di interesse per gli archeologi.

I resti del tempio giacciono per lo più in rovina, con enormi pezzi di muratura e statue sparse sul posto, mentre la necropoli reale con le sue tombe vuote (il vasto bottino di tesori di gioielli trovati qui è ora ospitato nella sua stanza al Museo Egizio) è enormemente interessante da visitare.

Tanis si trova a 143 chilometri a nord-est del Cairo ed è meglio visitarla con un veicolo privato.

22. Antica Heliopolis ed El-Matariya

Da non confondere con l'omonimo sobborgo del Cairo, l'antica Heliopolis era la città egiziana di Yuno (conosciuta in epoca greca come Heliopolis), che è una delle città più antiche dell'Egitto e, dall'Antico Regno in poi, la città spirituale centro dell'intero paese.

È un sito davvero solo per gli archeologi dilettanti più entusiasti in quanto sono rimasti solo pochi resti della città e del Tempio di Re-Harakhty, che un tempo sorgeva qui.

La maggior parte delle pietre sono state riproposte nel corso dei secoli per costruire il Cairo.

Tutto ciò che resta del tempio è un obelisco solitario , fatto di granito rosso di Assuan, alto 20 metri.

Circa cinque chilometri a est dell'obelisco, si trova la necropoli di Heliopolis , risalente al Medio e al Nuovo Regno. Una caratteristica notevole delle tombe del Medio Regno era il gran numero di armi trovate come corredi funerari.

Vicino a Heliopolis, 13 chilometri a nord-est dal centro del Cairo, si trova la Chiesa di El-Matariya con il cosiddetto Albero della Vergine . Questo sicomoro fu piantato nel 1672, in sostituzione di un albero più vecchio dove, secondo la leggenda locale, la Vergine Maria e il Bambino Gesù riposarono durante la loro fuga in Egitto.

Il giardinetto dove sorge l'albero è irrigato da una sorgente, che si dice sia stata chiamata all'esistenza da Gesù bambino. La sorgente fornisce una buona acqua dolce, mentre l'acqua di tutte le altre sorgenti della zona è leggermente salmastra.

La leggenda dell'albero della Vergine si riallaccia ad un culto più antico, poiché gli antichi egizi veneravano ad Eliopoli un albero sotto il quale si credeva che Iside avesse allattato il piccolo Horus.

Dove alloggiare al Cairo per visite turistiche

Il Cairo è una città enorme. Molti degli hotel di lusso si trovano lungo il fiume Nilo o si trovano vicino alle Piramidi di Giza. Alcune delle migliori opzioni di lusso e di fascia media si trovano nel quartiere di Garden City ea Zamalek, entrambi nel centro del Cairo. Gli hotel economici si trovano principalmente nel quartiere Downtown, proprio in centro. Di seguito sono riportati alcuni hotel altamente qualificati in posizioni convenienti:

Hotel di lusso:

  • Nel quartiere di Garden City, lungo il fiume Nilo, il Kempinski Nile Hotel è un incantevole hotel con ristoranti, camere e suite con balcone e un'incantevole area piscina con vista sul fiume e sulla città.
  • Nelle vicinanze e affacciato anche sul Nilo, il Four Seasons offre viste spettacolari, tre piscine riscaldate sul tetto, camere e suite spaziose, oltre a numerosi ristoranti e un centro benessere.
  • All'estremità meridionale dell'isola di Gezira, con viste incredibili sul Nilo dalle camere, dai ristoranti e dalla piscina a sfioro, il Sofitel Cairo El Gezirah è un'elegante struttura a cinque stelle con un servizio eccezionale. Tutti questi hotel offrono un facile accesso al centro e alle attrazioni circostanti.

Hotel di fascia media:

  • A pochi passi dal Museo Egizio si trova lo Steigenberger Hotel El Tahrir , uno degli hotel più nuovi del centro del Cairo, con le camere più confortevoli e i comfort moderni che troverai al Cairo a prezzi di fascia media.
  • Per il soggiorno di fascia media più suggestivo, dirigiti a Zamalek, dove troverai l'Hotel Longchamps. Si tratta di un rilassante rifugio boutique dal frastuono infinito della città, con personale cordiale e camere di buone dimensioni dotate di servizi moderni e confortevoli.

Hotel economici:

  • Quasi tutte le offerte economiche del Cairo si trovano in centro. The Golden Hotel has spacious, air-conditioned rooms and a free continental breakfast.
  • The Osiris Hotel offers basic but comfortable rooms with a dash of traditional style, while the City View Hotel has a super convenient location across the road from the Egyptian Museum, and small, comfortable rooms.

Tips and Tours: How to Make the Most of Your Visit to Cairo

A sightseeing tour is a great way to see Cairo's highlights without the hassle of finding your way around, dealing with aggressive touts, and having to negotiate prices. Instead, you can relax and enjoy the sights while you learn about the attractions from a qualified Egyptologist. These tours also include convenient hotel pickup and drop-off, as well as entrance to many of the sites. Below are some fun sightseeing tours that guarantee the lowest price:

  • See the Pyramids: The pyramids are the highlight of a visit to Egypt, and the Private Tour: Giza Pyramids, Sphinx, Memphis, Sakkara takes you to see these icons, as well as other important sites out of the city, including the World Heritage-listed ruins of ancient Egypt's capital at Memphis. Since this tour is private, you have the flexibility to tailor the timing and add an optional upgrade that includes lunch and a visit to Giza's Solar Boat Museum.
  • See the City Sights: If you've already seen the pyramids, the Private Tour: Egyptian Museum, Alabaster Mosque, Khan el-Khalili takes you to explore some of Cairo's other top attractions guided by an experienced Egyptologist. This full-day tour is private, so you can tailor the itinerary to suit your interests, spending more time at your favorite attractions. You can also add a visit to the Papyrus Institute.
  • Egypt Major Sights and Nile Cruise: The seven-night Cairo and Aswan tour includes trips to the Egyptian Museum and the Giza Pyramids before whisking you down to Aswan for a Nile Cruise to Luxor, with a free day in Cairo at the end for you to check out the rest of the city's sights.

Cairo Map – Attractions (Historical)

  • Museum of Islamic Art
  • El-Muayyad Mosque
  • El-Azhar Mosque
  • (8) El-Hakim Mosque
  • (9) Abu Bekr ibn Muzhir Mosque
  • (10) Sabil Kuttab Wikala
  • (11) Beit el-Suheimi
  • (12) Mohammed el-Nasir Mosque
  • (13) Barquqiya Mosque
  • (14) El-Aqmar Mosque
  • (15) Salih Ayyub Mausoleum
  • (16) Khan el-Khalili
  • (17) El-Ghuri Medrese and Mausoleum
  • (18) Fakahani Mosque
  • (19) Salih Talai Mosque
  • (20) El-Mardani Mosque
  • (21) Rusun Mosque
  • (22) Sultan Shaapan Medrese
  • (23) Sulaimaniya Mosque
  • (24) Surdun Mosque
  • (25) Ibrahim Aga House
  • (26) Aq Sunqur Mosque
  • (27) Emir Khairbek Mosque
  • (28) El-Gei el-Yusufi Medrese
  • (29) El-Rifai Mosque
  • (30) Qani Bey Medrese
  • (31) Emir Taz Palace
  • (32) Emir Sheikhu Convent
  • (33) Khushqadam el-Ahmedi Mosque
  • (34) Beit el-Kiridliya
  • (35) Shagarat el-Durr Mausoleum
  • Citadel
  • (36) Mohammed Ali Mosque
  • (37) Bir Yusuf (Joseph's Well)
  • (38) El-Nasir Mosque
  • (40) Moqattam Tower
  • (41) Military Museum
  • St Joseph
  • National Circus
  • Palace of Art
  • Mohammed Khalil Museum
  • St Mark's Church
  • Sinan Pasha Mosque
  • Ramesses Square
  • Coptic Cathedral
  • Opera Square
  • Coptic Church
  • New Cathedral
  • Baibars Mosque
  • Baibars Convent
  • Qalaun Mosque
  • Musafirkhane Palace
  • (1) United Kingdom Embassy
  • (2) United States Embassy
  • (3) Foreign Ministry
  • (4) Supreme Court
  • (5) Gumhuriya Theater
  • Mukhtar Museum
  • Egyptian Museum
  • Ethnological Museum
  • Geological Museum
  • Abdin Palace
  • Agricultural Museum
  • Cotton Museum
  • Museum of Modern Art
  • Papyrus Institute
  • (6) Emir Salar and Sanjar Mausoleum
  • (7) Qait Bey Mosque
  • Church of St George
  • Ibn Tulun Mosque
  • Amr Ibn el-As Mosque
  • Manisterli Palace
  • Nilometer
  • (26) Aq-Sunqur Mosque
  • Sultan Hasan Mosque
  • Tombs of the Mamelukes
  • Fort Mohammed Ali
  • El-Giyushi Mosque
  • El-Shafi Burial Mosque