Esplorando la Cattedrale di Santo Stefano, Vienna

Cattedrale di Santo Stefano

La Cattedrale di Santo Stefano (Stephansdom) non è solo la principale chiesa cattolica romana di Vienna – e la sede dell'arcivescovo della città – è anche una delle attrazioni più famose dell'Austria, che accoglie più di un milione di ospiti ogni anno. Con la sua guglia alta 137 metri e il tetto riccamente decorato, è l'edificio gotico più importante della città e rappresenta otto secoli di storia architettonica.

Della struttura originaria del XIII secolo restano solo la massiccia porta e le torri pagane (Heidentürme), mentre nel XIV secolo si verificò un'ampia ricostruzione in stile gotico. Aggiunte successive includono il completamento del coro e delle cappelle di S. Eligio, S. Tirna e S. Caterina, mentre nel XV secolo furono aggiunte la Torre Sud, la navata e la Cappella di S. Barbara.

Durante la seconda guerra mondiale l'edificio subì una distruzione quasi completa. La sua ricostruzione, dal 1948 al 1962, si è rivelata un enorme sforzo comunitario che ha coinvolto l'intera Austria, a dimostrazione della volontà della nazione di ripristinare questo antico simbolo dell'illustre passato del Paese.

Per saperne di più su questa imperdibile attrazione austriaca, assicurati di leggere la nostra guida per esplorare la Cattedrale di Santo Stefano a Vienna.

Vedi anche: Dove alloggiare vicino alla Cattedrale di Santo Stefano

Punti salienti della Cattedrale di Santo Stefano

Cattedrale di Santo Stefano

La prima cosa che vedrai entrando nella spettacolare Cattedrale di Santo Stefano a Vienna è la Porta dei Giganti in stile tardo romanico. Questa magnifica caratteristica è degna di nota per i suoi ornamenti insolitamente ricchi di draghi, uccelli, leoni, monaci e demoni, e prende il nome dall'osso di mastodonte trovato durante la costruzione nel 1443.

Degna di nota è anche la Porta del Vescovo . Originariamente riservato ai visitatori femminili, vanta pregevoli sculture figurative del 1370, insieme a numerosi stemmi. La Porta Cantante era l'ingresso per i visitatori maschi ed è nota per le sue figure degli Apostoli e la leggenda di San Paolo risalente al 1378.

L'ampio interno a tre navate di Santo Stefano è diviso da pilastri a grappolo su cui si ergono statue a grandezza naturale, tra cui una di San Cristoforo risalente al 1470. Il pulpito del XVI secolo è l'opera d'arte più importante della navata, un capolavoro della scultura tardogotica decorato con le figure dei Quattro Padri della Chiesa.

Sul plinto c'è una rappresentazione dello scultore, Maestro Pilgram, scolpito nella posa di un guardone. La Madonna dei Servi risale al 1340 e, secondo la leggenda, fu realizzata dopo che una serva si rivolse alla Vergine per chiedere aiuto dopo essere stata ingiustamente accusata di furto (poi fu dichiarata innocente).

Organo e cori della cattedrale di Santo Stefano

L'organo nella cattedrale di Santo Stefano | Thomas Quine / foto modificata

Un altro punto culminante degli interni è la magnifica cassa d'organo tardogotica del 1513, sempre di Pilgram (è la figura con il compasso e la squadra incastonata). Lo spettacolare organo della cattedrale è uno spettacolo da vedere e da ascoltare. Tornato in funzione nel 2023 dopo un importante restauro, questo "nuovo" organo è infatti composto da due strumenti che possono essere suonati insieme e vanta oltre 12.000 canne. Puoi ascoltare questo magnifico strumento musicale in azione durante recital e concerti regolarmente programmati (controlla il sito ufficiale della cattedrale di seguito per i dettagli).

Tra le molte figure in pietra del primo gotico della cattedrale c'è un angelo dell'Annunciazione particolarmente bello e una statua della Madonna protettrice nel coro femminile. Altri punti salienti includono l' altare Wiener-Neustadter del 1447 e l'altare maggiore in marmo nero del 1640, le sue statue che rappresentano i santi protettori della provincia, Leopoldo e Floriano, e San Rocco e San Sebastiano, che furono invocati in tempo di peste.

Degno di nota è anche il Sepolcro rialzato di Federico III nel coro sud. Realizzato in marmo rosso e comprendente una statua dell'imperatore a grandezza naturale circondata da stemmi, il design è dell'artista olandese Niclas Gerhaert van Leyden (1467-1513), che realizzò anche la sommità di questa tomba gotica. Da vedere anche il baldacchino tardogotico del XV secolo sopra l'altare Leopoldo, così come la Madonna Pötscher , oggetto di venerazione in Austria e Ungheria sin dalla battaglia di Zenta nel 1697 quando, secondo la leggenda, le lacrime sgorgarono dagli occhi del Madonna per quindici giorni in occasione della battaglia contro i Turchi.

Cappelle della Cattedrale di Santo Stefano

Cappelle della Cattedrale di Santo Stefano

La prima di molte cappelle che vedrai entrando nella Cattedrale di Santo Stefano è la Cappella Tirna . Costruito nel 1359, è il luogo di sepoltura del principe Eugenio, famoso come il conquistatore dei Turchi. Oltre al Crocifisso del XV secolo sopra l'altare, date un'occhiata alla barba di Cristo: è fatta di capelli umani e, secondo la leggenda, sta ancora crescendo.

Le caratteristiche più notevoli della Cappella di Caterina sono il suo fonte battesimale in marmo del 1481 e i rilievi sulla vasca a 14 lati raffiguranti Cristo, Giovanni Battista e i Dodici Apostoli. Da segnalare anche, sul suo plinto, i Quattro Evangelisti. Da visitare anche la Cappella dell'Eligio , o Cappella dei Duchi. Qui troverai una serie di importanti statue del XIV secolo.

Sali sulle torri della cattedrale

Le Torri della Cattedrale

La Cattedrale di Santo Stefano è particolarmente famosa per le sue maestose torri, che da secoli dominano lo skyline di Vienna. Il più alto di questi è lo Steffl , come i viennesi chiamano Torre Sud. Iniziata nel 1356, è alta 137 metri ed è considerata la più bella torre gotica tedesca d'Europa grazie a caratteristiche come le statue sotto i baldacchini riccamente ornati al secondo piano.

Anche se è una salita difficile su per i 343 gradini a spirale per la Watch Room, ne vale la pena per le viste spettacolari. Sono considerate le migliori viste sul centro storico di Vienna, incluso il magnifico Hofburg e lo spettacolare Palazzo del Belvedere. Impressiona anche per la consapevolezza che questo punto di vista era utilizzato già nel 1400 dalle sentinelle alla ricerca di incendi.

Merita una visita anche la Torre Nord della Cattedrale , sede dell'imponente Pummerin Bell , che si svolge solo in occasioni speciali come la vigilia di Capodanno. Un veloce ascensore porta i visitatori su una piattaforma panoramica da cui è possibile osservare da vicino le famose tegole della cattedrale.

Le Catacombe e il Tesoro della Cattedrale

Una delle cose migliori da fare quando si visita la Cattedrale di Santo Stefano è visitare le imperdibili Catacombe, il cui ingresso è attraverso una camera sotto la Torre Nord. Accessibili solo come parte di una visita guidata, si estendono dal Coro della Cattedrale fino a Stephansplatz e comprendono le ossa di circa 10.000 cittadini viennesi accatastati in gradini (questa parte non è aperta al pubblico).

Costruite alla fine del XIV secolo per ospitare i resti dei cimiteri sovraffollati della zona, le Catacombe furono chiuse nel 1783. Oggi, l'attrazione principale è la Volta Ducale, che Rodolfo IV fece costruire per gli Asburgo nel 1363.

Da vedere anche il Tesoro della Cattedrale. Situata nella West Gallery, questa affascinante mostra ospita molti degli oggetti più importanti e preziosi della cattedrale.

Visitando la Cattedrale di Santo Stefano

Vista dalla Cattedrale di Santo Stefano

Sono disponibili una varietà di visite guidate in lingua inglese della Cattedrale di Santo Stefano. Il più completo è il tour All Inclusive che comprende la cattedrale, le catacombe, le torri sud e nord e il tesoro della cattedrale. È anche possibile prenotare tour individuali per aree specifiche della cattedrale, insieme a speciali tour serali di 1 ora e mezza, che includono una divertente passeggiata sul tetto e una visita all'attico della cattedrale, il sabato da luglio a settembre.

Un'ottima opzione per coloro che desiderano visitare le altre principali attrazioni turistiche della città è partecipare a un tour a piedi della città di Vienna. Oltre alla cattedrale, i punti salienti di questo divertente tour guidato di 2 ore e mezza per piccoli gruppi includono il magnifico Palazzo Imperiale Hofburg, la famosa Scuola di Equitazione Spagnola e altri punti di riferimento come Piazza degli Eroi.

Dove dormire vicino alla Cattedrale di Santo Stefano

Consigliamo questi eccellenti hotel a pochi passi dalla Cattedrale di Santo Stefano a Vienna:

  • The Guesthouse Vienna: questo boutique hotel di lusso presenta arredi eleganti, una brasserie e una panetteria, nonché una terrazza da pranzo informale.
  • Hotel Kaiserhof Wien: famoso per i suoi prezzi di fascia media e l'arredamento elegante, l'Hotel Kaiserhof offre una colazione gratuita di alta qualità.
  • Hollmann Beletage: questo hotel boutique a prezzi accessibili presenta uno stile contemporaneo, uno staff eccezionale e una deliziosa colazione.
  • MEININGER Hotel Wien Downtown Sissi : Questo hotel economico presenta un arredamento moderno, una cucina in comune, un tavolo da biliardo e camere familiari.

Suggerimenti e tattiche: come sfruttare al meglio la tua visita alla Cattedrale di Santo Stefano

  • Servizi e concerti: i visitatori sono invitati a partecipare alle messe domenicali della cattedrale.
  • Musica: è disponibile un programma regolare di musica corale e orchestrale. Anche cori ospiti di tutto il mondo fanno regolarmente apparizioni (controlla il sito web della cattedrale prima della tua visita per dettagli e date). Sono previsti anche regolari recital d'organo per il divertimento dei visitatori.
  • Shopping: la cattedrale gestisce un negozio online che vende DVD, CD e libri relativi alla sua storia e musica, nonché articoli religiosi e souvenir.

Come raggiungere la Cattedrale di Santo Stefano

  • A piedi : la Cattedrale di Santo Stefano si trova a pochi passi dal centro di Vienna e dalle sue principali attrazioni turistiche.
  • In autobus : la cattedrale è ben servita dal servizio di autobus di Vienna (linee 1A, 2A o 3A).
  • Con la U-Bahn (metropolitana) : la stazione della metropolitana più vicina è Stephansplatz.
  • In treno : Vienna è ben servita da tutte le principali linee ferroviarie.
  • In auto: come per la maggior parte delle principali città europee, gran parte del centro di Vienna è riservato ai pedoni. Se la guida è d'obbligo, parcheggiare alla periferia della città e utilizzare i mezzi pubblici.
  • Parcheggio: non è disponibile un parcheggio pubblico in loco.

Indirizzo

  • Stephansplatz 3, 1010 Vienna, Austria
  • Sito ufficiale: www.stephanskirche.at

Cosa c'è nelle vicinanze?

Punto di riferimento più importante di Vienna, la Cattedrale di Santo Stefano è il cuore e l'anima di Stephansplatz , un'importante piazza che segna il centro geografico della città. Noto per il suo interessante mix di stili architettonici vecchi e nuovi, è un posto meraviglioso per rilassarsi e guardare il mondo che passa dalla comodità di un caffè all'aperto, o magari fare un po' di shopping.

Se hai ancora voglia di un po' più di visite turistiche, assicurati di visitare i numerosi edifici storici che costeggiano la piazza. Di particolare interesse sono il n. 2, il Globe (Zur Weltkugel); n. 3, la Casa elettorale (Das Churhaus); e n. 7, il Palazzo Arcivescovile.

Da segnalare anche una serie di pietre colorate che segnano il profilo della Cappella di Maria Maddalena , in cui un tempo si tenevano i servizi funebri. Documentato per la prima volta nel 1378, fu distrutto da un incendio nel 1781 e fu ritrovato durante la costruzione della stazione della U-Bahn di Stephansplatz.

Mappa della Cattedrale di Santo Stefano (storica) Mappa della situazione storica di Stephensplatz (storica)