Esplorare il Canal Grande a Venezia: 20 principali attrazioni

Il Canal Grande non solo collega la maggior parte delle principali attrazioni turistiche di Venezia, è una delle sue principali attrazioni. Curvando a S inversa attraverso il cuore della città, è anche la via principale di Venezia, sempre trafficata, che comprende di tutto, dalle gondole alle chiatte che trasportano i prodotti al mercato.

Canal Grande a Venezia

Nel periodo di massimo splendore di Venezia, chiunque fosse degno di nota – o volesse essere degno di nota – doveva avere un palazzo affacciato sul Canal Grande, ei loro palazzi rappresentano ogni stile architettonico, dal XII all'inizio del XVIII secolo.

Il modo migliore per vedere e apprezzare tutti questi grandi palazzi è dal canale stesso, poiché le loro facciate si affacciano sull'acqua. Vedere questi palazzi dopo che le luci si accendono nei loro interni scintillanti è una delle cose preferite da fare a Venezia di notte. Le attrazioni sottostanti sono mostrate nell'ordine in cui le vedrai mentre viaggi da San Marco al Ponte della Costituzione, all'altra estremità del Canal Grande. Non perderai nessuno dei momenti salienti di questa pratica guida per esplorare il Canal Grande.

1. Giro del Canal Grande in Barca

Barche sul Canal Grande

Puoi percorrere l'intera lunghezza del Canal Grande sul vaporetto, il sistema di trasporto pubblico galleggiante di Venezia, da San Marco a Porta Roma. Assicurati di prendere la linea 1, non la linea espressa 2, che si muove troppo velocemente oltre i palazzi e salta diverse fermate. Puoi anche farlo in un tour in barca a motore, con una guida che non solo può indicare i palazzi che passerai, ma passare lentamente e avvicinarsi per viste migliori.

Ci sono diverse opzioni. Durante il tour in barca di 1 ora per piccoli gruppi del Canal Grande di Venezia, non solo vedrai e imparerai i punti salienti del Canal Grande, ma navigherai anche attraverso quelli più piccoli per vedere chiese come Santa Maria Formosa e San Giovanni e Paolo dal gabinetto. La crociera più lunga sui canali di Venezia: il tour in barca di 2 ore del Canal Grande e dei Canali Segreti per piccoli gruppi viaggia anche con un lussuoso motoscafo nelle parti meno visitate di Venezia.

Il tour più lungo include, insieme a un tour informativo del Canal Grande, l'affascinante quartiere di Dorsoduro e una sosta per visitare le attrazioni dell'ex Ghetto Ebraico di Venezia a Cannaregio.

Forse hai sempre sognato di planare lungo il Canal Grande in gondola, e questa è sicuramente un'opzione. Ma non è il modo migliore per vedere i palazzi lungo le sue sponde. Con così tante navi più grandi che passano veloci e bloccano la tua visuale, otterrai effettivamente una vista migliore, anche se più veloce, dal vaporetto; meglio risparmiare il giro in gondola per i romantici canali "vicoli secondari".

2. Santa Maria della Salute

Santa Maria della Salute

Quando il vaporetto parte dalla fermata San Marco, si dirige verso la foce del Canal Grande, puntando quasi direttamente alla monumentale chiesa barocca di Santa Maria della Salute, costruita come ringraziamento per la fine della peste del 1630. Per sostenerne la peso immenso, l'architetto Baldassare Longhena dovette far conficcare più di un milione di travi nel fondo della laguna.

La chiesa è un punto di riferimento impressionante, visibile attraverso il Canal Grande da San Marco, e questa grandezza continua mentre entri con la tua attenzione immediatamente attirata dalla sua massiccia cupola. Assicurati di vedere la Sacrestia, dove si trovano i migliori dipinti, in particolare Le nozze di Tintoretto a Cana. L'imbarcadero del vaporetto si trova proprio di fronte alla chiesa.

3. Collezione Peggy Guggenheim

Collezione Peggy Guggenheim | Jean-Pierre Dalbéra / foto modificata

Subito dopo Santa Maria della Salute si trova la bassa e bianca Ca' Venier dei Leoni, un edificio contemporaneo su fondamenta precedenti. Il palazzo Vernier del 1749 non fu mai completato e nel 1949 il suo unico piano divenne la sede del museo veneziano di dipinti e sculture cubisti, astratti e surrealisti della collezionista d'arte americana Peggy Guggenheim.

La collezione comprende opere di Max Ernst, con cui Peggy Guggenheim era sposata, oltre a Pablo Picasso, Georges Braque, Fernand Léger, Joan Miro, Salvador Dali, Paul Klee, Rene Magritte, Piet Mondrian, Marc Chagall e Jackson Pollock.

Mentre il tuo vaporetto passa, potresti scorgere sulla terrazza la statua equestre dell'Angelo della Città di Marino Marini. Per visitare il museo utilizzate la fermata del vaporetto Santa Maria della Salute o Accademia; il Guggenheim è a metà strada tra loro.

Indirizzo: Palazzo Venier dei Leoni, 701 Dorsoduro, Venezia

Sito ufficiale: www.guggenheim-venice.it

4. Palazzo Corner della Ca' Grande

Palazzo Angolo della Ca' Grande | John Lord / foto modificata

Direttamente di fronte al Guggenheim, Palazzo Corner della Ca' Grande è uno dei migliori esempi di architettura dell'alto rinascimento a Venezia. Questo enorme palazzo – il suo nome "Ca' Grande" significa grande casa in dialetto veneziano – fu costruito nel 1545 dal capomastro e scultore italiano Jacopo Sansovino, per la potente famiglia Cornaro. Fu una delle prime commissioni del Sansivino a Venezia.

Come tutti questi palazzi, Ca' Grande doveva stupire, con maestose colonne ioniche al primo piano e colonne corinzie al secondo.

5. Ponte dell'Accademia e Accademia di Belle Arti

Ponte dell'Accademia

Il Ponte di Rialto fu per secoli l'unico ponte sul Canal Grande, finché nel 1854 gli austriaci che avevano occupato Venezia dal 1815 eressero un piccolo ponte di ferro che collegava San Marco a Dorsoduro. Fu sostituito da un ponte di legno "temporaneo" nel 1932, ma si rivelò così popolare tra i veneziani che non fu mai sostituito da uno in pietra come previsto.

All'estremità di Dorsoduro si trova la più bella collezione d'arte di Venezia, l'Accademia, nell'ex Monastero di Santa Maria della Carità del XVI secolo. Le collezioni d'arte veneziana dal XIV al XVIII secolo sono per Venezia ciò che gli Uffizi sono per l'arte fiorentina, ma i suoi punti salienti non si limitano alle opere dei veneziani. Il museo custodisce opere notevoli di Tiziano, Tintoretto, Paolo Veronese, i Bellini, Canaletto, Carpaccio e Tiepolo.

Per gli amanti dell'arte, la fermata del vaporetto Accademia offre una doppia chicca, accedendo a due dei luoghi più importanti da visitare a Venezia.

Indirizzo: Dorsoduro, Venezia

6. Palazzo Grassi

Palazzo Grassi | Jean-Pierre Dalbéra / foto modificata

Sulla sponda opposta, la facciata a tre piani di Palazzo Grassi presenta caratteristiche sia barocche che classiche. Ultimo palazzo costruito sul Canal Grande prima del crollo della Serenissima nel 1797, fu costruito su progetto di Giorgio Massari che utilizzava una pianta insolita a Venezia, con quattro ali attorno a un cortile rettangolare.

Quando la Fiat Motor Company acquistò il palazzo, ampi restauri e ristrutturazioni includevano la copertura del cortile, che, insieme al resto del palazzo, viene utilizzato per le mostre. L'edificio è interessante per la sua armoniosa fusione tra lo stile architettonico neoclassico originale e quello moderno.

Indirizzo: Campo San Samuele, San Marco, Venezia

7. Ca' Rezzonico e il Museo del Settecento Veneziano

Ca' Rezzonico e il Museo del Settecento Veneziano | Alice Barigelli / foto modificata

Sulla sinistra, quando il canale inizia la sua lunga curva a destra, il massiccio Ca' Rezzonico è opera di due famosi architetti. Iniziato nel 1660 da Baldassarre Longhena, il più grande architetto barocco a Venezia, fu completato quasi un secolo dopo da Giorgio Massari.

Oggi ospita il Museo del Settecento veneziano, dove si può avere uno scorcio affascinante della vita veneziana nel periodo rococò. Le sue 40 camere mostrano i sontuosi stili decorativi e mobili, tra cui la cineserie e i mobili laccati, così popolari in quel momento. Ci sono porcellane e ceramiche veneziane, bronzi, burattini e costumi veneziani originali del 18° secolo. Una farmacia del 18° secolo è stata meticolosamente ricostruita e un teatro si trova al terzo piano.

La fermata del vaporetto Ca' Rezzonico non è proprio al palazzo. Dovrai risalire Calle Traghetto fino a Campo San Barnaba e attraversare il ponte fino alla Fondamenta Rezzonico.

Indirizzo: Fondamenta Rezzonico 3136, Venezia

8. Traghetti

Traghetto attraversando il Canal Grande

La fermata di Ca' Rezzonico e l'approdo di San Samuele dall'altra parte del canale sono collegati da un altro mezzo di trasporto marittimo, i traghetti. Un traghetto è un tipo di gondola, spogliata dei suoi ornamenti fantasiosi e posti a sedere per fornire spazio in piedi e panchine strette (che i veneziani disprezzano, preferendo stare in piedi) per attraversare il Canal Grande in diversi punti tra i ponti.

I traghetti sono economici (2 euro) e un buon modo per evitare lunghe passeggiate fino al ponte più vicino. Ce n'è un'altra tra le fermate San Angelo e San Toma, una alla Pescheria oltre Rialto, una alla fermata San Marcuola e una quarta all'altra estremità del canale non lontano da Piazza San Marco.

9. Ca' Foscari

Ca' Foscari

Quando nel XV secolo il doge Francesco Foscari ne ordinò la costruzione, Ca' Foscari, poco dopo Ca' Rezzonico, ebbe un'inedita innovazione: aveva quattro piani. Oggi il palazzo rimane uno degli edifici tardo gotici più importanti di Venezia.

Le fortune dei Foscaris si ribaltarono dopo che il Doge fu costretto a cedere il Mediterraneo orientale ai Turchi nel 1454 e suo figlio Jacopo fu bandito da Venezia. Nel 1574 il re Enrico III di Francia utilizzò il palazzo come residenza.

10. Ponte di Rialto (Ponte di Rialto)

Ponte di Rialto (Ponte di Rialto)

Mentre il Canal Grande inizia di nuovo a raddrizzarsi, la forma familiare del Ponte di Rialto appare davanti a sé, anche se è difficile distogliere lo sguardo dai palazzi che continuano ad allinearsi su entrambi i lati. Qui fu costruito il primo ponte di legno già nel 1180, poi sostituito da un ponte levatoio, che crollò nel 1444 quando una grande folla si radunò su di esso per assistere a un corteo di barche.

Quasi 150 anni dopo, nel 1588, i veneziani costruirono questo ponte in pietra, progettato da Antonio de Ponte. Il ponte di 22 metri è sostenuto da 6.000 pali di legno sotto ogni lato. Rialto è la tappa migliore per esplorare il quartiere di San Polo e, naturalmente, per il famoso ponte stesso.

11. Fondaco dei Tedeschi (Borsa Merci Tedesca)

Fondaco dei Tedeschi (Borsa Merci Tedesca)

Almeno dal 1228 i mercanti "tedeschi" (termine che includeva anche polacchi, cechi e ungheresi) che facevano affari a Venezia vivevano e lavoravano in questa posizione privilegiata all'estremità del ponte di Rialto San Marco. Il fatto che Venezia abbia pagato per ricostruirla dopo un incendio e abbia incaricato artisti del calibro di Tiziano per decorare i suoi interni, mostra quanto fossero vantaggiosi i loro affari per la Repubblica: a Venezia doveva essere pagata una commissione elevata per ogni acquisto e vendita.

Per questo nei secoli XVI e XVII il Fondaco era chiamato "l'arca d'oro del Senato". Lo scambio era sia un luogo di affari che un rifugio per i mercanti, ai quali non era permesso presentarsi da soli o svolgere affari al di fuori del Fondaco.

La facciata che vedrete sulla destra, di fronte al Canal Grande, è nella tradizione veneziana a tre piani. Al centro un portico a cinque arcate. I negozi e il magazzino erano al piano terra, mentre i piani superiori erano alloggi e uffici.

Oggi l'edificio ospita un centro commerciale, con una piattaforma sul tetto da cui è possibile ottenere ampie vedute della città. Per evitare le code per la terrazza è possibile effettuare una prenotazione anticipata gratuita.

12. Ca' da Mosto

Ca' da Mosto | Foto di Dimitris Kamaras modificata

Non uno dei palazzi più imponenti che si affacciano sul Canal Grande, Ca' da Mosto è sia il più antico che uno dei più architettonicamente significativi. Risalente al XIII secolo, era in origine un fondaco , dimora e luogo di lavoro di un mercante veneziano.

A differenza della maggior parte dei palazzi successivi, la sua facciata lato canale è asimmetrica, con tre archi (uno più largo degli altri) posti su un lato del piano a livello dell'acqua e una porta più piccola sull'altro. In alto, le finestre del piano nobile – il piano nobile sopra – sono sormontate da archi alti e stretti, uno stile che si svilupperà successivamente nei caratteristici archi a sesto acuto veneziano. È il più importante esempio di palazzo del XIII secolo a Venezia, altri della sua epoca sono stati completamente trasformati da successivi restauri.

Fu il luogo di nascita di Alvise da Mosto, un navigatore del XV secolo alle dipendenze del principe portoghese Enrico il Navigatore, e il primo europeo ad avvistare le isole di Capo Verde. La casa è in uno stato fatiscente, ma si è parlato di restaurarla come un hotel di lusso.

13. Mercato del pesce

mercato del pesce

Risalente solo al 1907, il mercato coperto dei venditori di pesce (Pescheria), sulla sinistra dopo il Ponte di Rialto , è stato costruito in stile gotico con deliziosi capitelli scolpiti che sostengono le sue arcate. I pesci pietra e altre creature marine guardano dall'alto in basso il frastuono mattutino mentre chef e casalinghe gareggiano per il pesce appena pescato.

Sebbene sia un edificio relativamente moderno, è stato costruito secondo il metodo secolare su più di 18.000 pali di legno di larice. Tra la Pescheria e Rialto c'è il colorato mercato alimentare e ortofrutticolo; navigare in questo luogo affollato e colorato è una delle cose gratuite preferite da fare a Venezia. La fermata più vicina è Rialto.

14. Ca' d'Oro

Ca' d'Oro

Sulla riva destra, uno dei luoghi più belli del canale, Ca' d'Oro, è il gotico veneziano nella sua forma più perfetta. Sebbene abbia perso la ricca pittura e doratura originarie che hanno dato origine al suo nome – Casa d'Oro – l'opera in filigrana marmorea di Bartolomeo Bon, che costruì anche la Porta della Carta nel palazzo ducale, è forse ancora più bella senza di essa.

L'interno, ora un museo, illustra vividamente come vivevano i nobili veneziani nel tardo medioevo. Il mosaico al piano terra ne riproduce uno nella Basilica di San Marco , e nel cortile c'è un bel pozzo in marmo rosso. Le opere d'arte della collezione d'arte della Galleria Franchetti completano l'ambientazione storica del palazzo.

Insieme alla Venere davanti allo specchio di Tiziano, al Ritratto di nobile di van Dyck e al San Sebastiano incompiuto del Mantegna, vedrai sculture in marmo, bronzi e terrecotte di Bernini, Giambologna, Tullio Lombardo, Ricci e altri, oltre a frammenti degli affreschi di Giorgione e Tiziano che un tempo ornavano la facciata del Fondaco dei Tedeschi . Questo è uno dei posti più facili da visitare dal vaporetto, in quanto ha una propria fermata.

Indirizzo: Calle Ca' d'Oro, Venezia

Sito ufficiale: www.cadoro.org

15. Ca' Pesaro

Ca' Pesaro | Bill Rand / foto modificata

Più avanti, sulla sinistra, Ca' Pesaro fu costruita tra il 1652 e il 1710 dai maestri del tardo barocco veneziano, Baldassarre Longhena e Antonio Gaspari. La splendida facciata è stata ispirata dalla Biblioteca del Sansovino in Piazzetta.

Gli interni dal design sontuoso possono sembrare una casa insolita per la Galleria d'Arte Moderna , una delle più importanti collezioni d'arte moderna in Italia. Ma il palazzo fa un interessante contrasto con le opere di Franz von Lenbach, Auguste Rodin e Marc Chagall. Al terzo piano, il Museo d'Arte Orientale ha una collezione altrettanto eccezionale di arte dell'Estremo Oriente con vasi cinesi, dipinti giapponesi e sculture indiane. Per raggiungere Ca'Pesaro scendere alla fermata del vaporetto San Staetto e proseguire a piedi a sinistra.

Località: Santa Croce, Venezia

16. Santo Stae

Santo Stae

Il nome ufficiale della chiesa all'approdo sinistro di San Stae è Sant'Eustachio, ma quasi nessuno lo chiama così. Fu costruito nel 1678 da Giovanni Grassi, a forma di croce greca, e trent'anni dopo fu aggiunta la sua facciata sul Canal Grande dal capomastro Domenico Rossi.

Fu pagato dal doge Alvise Mocenigo II, che è sepolto nella chiesa. All'interno si trovano anche dipinti di artisti del primo Settecento, tra cui Tiepolo e Pellegrini. San Stae ha la sua fermata.

17. Palazzo Vendramin Calergi

Palazzo Vendramin-Calergi | takomabibelot / foto modificata

Questo palazzo sulla destra, poco dopo San Stae , è un esempio così perfetto di architettura rinascimentale veneziana che molti altri palazzi veneziani furono modellati su di esso, e nell'era del revival verso la fine del XIX secolo, molti dei suoi elementi furono copiati in tutto Europa. Fu costruito tra il 1480 e il 1504 da Mauro Codussi.

Qui soggiornò più volte il compositore d'opera tedesco Richard Wagner e la sua famiglia, che qui morì nel 1883. È ricordato da un piccolo museo Wagner all'interno del palazzo.

18. Fondamenta Turchi e Museo di Storia Naturale

Fondamenta Turchi e il Museo di Storia Naturale | Jay Galvin / foto modificata

Questo edificio stranamente restaurato quasi di fronte a Palazzo Vendramin-Calergi era originariamente un palazzo risalente al IX secolo e uno dei più antichi di Venezia, ma la sua forma attuale risale alla metà del XIII secolo. Nei secoli XIV e XV, prima di diventare sede e abitazione dei mercanti turchi, fu residenza dei duchi di Ferrara, che qui ospitarono come loro ospite l'imperatore Federico III nel 1452 e nel 1469. All'inizio dell'Ottocento è era completamente in rovina, quindi la città lo prese in consegna e tentò di ricostruirlo nel suo stile originale del XIII secolo.

Qualunque siano i risultati, è ancora considerato un buon esempio della commistione bizantina-veneziana di stili comuni nel Medioevo. Ospita il Museo di Storia Naturale, dove è possibile conoscere la vita animale nell'Adriatico e vedere collezioni geologiche e zoologiche. Il piano terra ospita anche un'ottima esposizione di teste di pozzo veneziane. Usa l'approdo di San Marcuola e prendi un traghetto attraverso il Canal Grande fino al museo.

Indirizzo: Santa Croce, Venezia

Sito ufficiale: http://msn.visitmuve.it/

19. Santa Maria di Nazaret

Santa Maria di Nazaret

La bella chiesa barocca sulla destra, accanto alla stazione ferroviaria di Santa Lucia, fu costruita negli anni '70 del Seicento da Baldassarre Longhena, e la sua maestosa facciata di colonne e statue fu aggiunta da Giuseppe Sardi. Costruita per l'ordine dei Carmelitani Scalzi, la chiesa è popolarmente conosciuta come Gli Scalzi.

L'interno barocco è ugualmente ornato, pieno di colonne di marmo a spirale, sculture, affreschi e svolazzi d'oro. Nella seconda cappella a destra si trova l'affresco del Tiepolo La Gloria di Santa Teresa , e la terza cappella a sinistra contiene il suo affresco Cristo in preghiera nell'orto del Getsemani .

Il più piccolo dei ponti del Canal Grande, il Ponte degli Scalzi, passa davanti alla chiesa, spesso trascurata dalla corsa dei turisti e dei pendolari diretti da e verso la stazione.

Indirizzo: Fondamenta Scalzi, Venezia

20. Ponte della Costituzione

Ponte della Costituzione

Non tutti i veneziani sono d'accordo sul ponte dell'architetto spagnolo Santiago Calatrava, costruito nel 2007. Ma sono d'accordo sul fatto che sia comodo avere un ponte alla fine del Canal Grande, dove la linea del vaporetto termina alla stazione degli autobus e al parcheggio.

Il design non ha la pretesa di rispecchiare gli stili tradizionali veneziani, riflettendo i ponti precedenti solo nella sua curva ampia e aggraziata. La struttura in acciaio e cemento è rivestita in una combinazione di marmo e vetro d'Istria e, come altrove il lavoro di Calatrava, è diventata un'attrazione a sé stante.

Suggerimenti: come sfruttare al meglio il tuo tour del Canal Grande

  • Biglietti del vaporetto : La corsa lungo il Canal Grande è la più costosa di Venezia, ma è inclusa in tutti gli abbonamenti giornalieri o più lunghi. Sia che tu acquisti un pass o un biglietto singolo, assicurati di convalidarlo alla macchinetta mentre sali a bordo.
  • Orario : Troverai folla sul vaporetto quasi a qualsiasi ora, ma è meglio evitare le ore di pendolarismo mattutino e serale, così come la corsa al pranzo tra mezzogiorno e le 14.
  • Di notte : Anche se non potrai vedere tutti i palazzi, molti sono completamente illuminati di notte, uno spettacolo magico con le loro facciate inondate di faretti e lampadari in vetro di Murano che brillano dalle grandi finestre.
  • Viste migliori : per vedere i palazzi su entrambi i lati del canale, cerca di trovare un posto all'esterno, dove puoi spostarti più facilmente da un lato all'altro.
  • Direzione : Anche se questo tour elenca le attrazioni che iniziano da San Marco, puoi percorrerlo in entrambe le direzioni. Per ottenere le migliori viste di tutti, pedala in entrambe le direzioni e guarda un lato alla volta.