Una guida per i visitatori alle rovine di Sagalassos e al lago Egirdir

Scritto da Jess Lee
14 aprile 2023

Il distretto dei laghi della Turchia è una delle regioni meno visitate del paese, popolare tra gli escursionisti e gli appassionati di attività all'aria aperta, ma riceve solo una piccola parte della folla della costa.

Nascosto tra le montagne qui, troverai la sua principale attrazione turistica: il sito patrimonio mondiale dell'UNESCO di Sagalassos.

Questa rovina greco-romana situata in una posizione spettacolare è circondata da cime scoscese. Il meticoloso restauro del suo famoso Ninfeo Antonino lo rende uno dei posti migliori da visitare in Turchia per poter immaginare la grandiosità dell'Antica Roma.

La campagna circostante di laghi, foreste e campi agricoli è piena di cose da fare per i viaggiatori attivi, con la piccola città lacustre di Eğirdir utilizzata come base da cui è possibile pianificare facilmente escursioni e avventure in mountain bike .

Per i viaggiatori che preferiscono un ritmo più lento ci sono gite in barca e viaggi su strada intorno agli abbondanti campi di rose e lavanda della regione, fioriti di colori durante i mesi estivi.

Questa zona è un'ottima aggiunta a un giro turistico autonomo che si dirige verso l'entroterra da Antalya o Pamukkale a Konya o Cappadocia. Gli autobus su queste rotte fermano tutti a Isparta, da dove è solo una breve gita a Eğirdir in minibus.

Su questa pagina:

  • sagalasso
  • Terme romane e Bassa Agorà
  • Agorà inferiore e strada colonnata
  • Alta Agorà
  • Ninfeo Antonino
  • Eroe
  • teatro romano
  • Eğirdir: La base per visitare Sagalassos
  • Cose da fare intorno al lago Eğirdir
  • Visitando i campi di lavanda e rose
  • Escursioni nel Parco Naturale del Canyon Yazılı
  • Visita ad Antiocheia-in-Pisidia
  • Trekking il Sentiero di San Paolo

sagalasso

Teatro antico di Sagalassos

Le rovine di Sagalassos, undici delle principali città dell'antica Pisidia, sono sparse sui pendii montuosi dell'Ak Dağ (Montagna Bianca).

Situata tra i 1.400 ei 1.600 metri sul livello del mare, la posizione elevata della città l'ha salvata da grandi saccheggi nei secoli successivi e vi sono vasti resti da vedere .

Sagalassos ha radici abitative che risalgono almeno all'età del ferro, ma il suo periodo di massimo splendore iniziò quando fu catturata da Alessandro Magno.

In seguito fu una delle città preferite dell'imperatore romano Adriano e la maggior parte delle strutture qui risalgono al suo periodo sotto il controllo romano.

Indossa delle buone scarpe da passeggio se vuoi esplorare a fondo il ripido sito e porta con te molta acqua, poiché l'unica possibilità di acquistare cibo e bevande è al bar accanto alla biglietteria, che si trova nei punti più bassi del sito .

Terme romane e Bassa Agorà

Terme Romane

Sulle pendici della città, il primo grande insieme di rovine che si incontra sono le terme romane.

Il complesso delle terme romane di Sagalassos è il luogo in cui gli archeologi hanno scavato una testa colossale (alta un metro) dell'imperatore romano Adriano, rinomata per la sua bellezza artistica. Se vuoi vedere la testa e molti altri reperti provenienti da lavori archeologici qui, vai al Museo Burdur prima o dopo la tua visita.

Le terme di Sagalassos sono un mastodontico esempio di architettura balneare di epoca romana, è anche il più antico complesso termale romano trovato in quella che era la regione dell'Asia Minore di Roma .

Ciò evidenzia quanto fosse favorita questa città all'interno delle vaste terre di Roma, poiché la popolazione della città è stimata solo intorno a 5.000, eppure era abbellita da un'enormità di edifici civici.

Agorà inferiore e strada colonnata

Il Ninfeo Adriano nella Bassa Agorà

Dalle Terme Romane ci si immette sulla Strada Colonnata, che sarebbe stata la via principale della città.

Segui prima la Strada Colonnata a sud per arrivare a una piattaforma del Santuario dedicata agli imperatori romani Adriano e Antonino Pio. Quindi torna sui tuoi passi e passa sotto la Porta Tiberiana per vedere gli edifici civici della Bassa Agorà raggruppati all'estremità settentrionale della strada.

L'Agorà Inferiore ospita due edifici del ninfeo (fontane pubbliche) ben restaurati e un odeon (piccolo teatro) in rovina.

Il Ninfeo Adriano è la struttura più imponente della Bassa Agorà , con molte statue e decorazioni ancora intatte.

Risalendo il ripido pendio dall'Odeon all'Agorà Superiore, lungo il percorso si supera il Macellum (mercato alimentare romano).

Alta Agorà

Alta Agorà

L'area dell'Alta Agorà è stata l'obiettivo principale dei lavori di restauro archeologico a Sagalassos, ed è qui che puoi davvero ammirare la grandezza di questo sito .

L'ampio cortile in marmo con colonnati rialzati e statue è un luogo privilegiato per foto drammatiche del sito, sostenuto da picchi frastagliati e con viste verso il basso attraverso le parti inferiori del sito.

È qui che si è svolta la vita politica della città e, a lato, troverai il bouleuterion (una sala del consiglio romana) e i resti di un tempio dorico , nonché le rovine di una successiva chiesa bizantina.

Ninfeo Antonino

Ninfeo Antonino

Questo è il principale monumento dell'Alta Agorà e la struttura più imponente di Sagalassos .

Durante il viaggio nei siti di epoca romana della Turchia, ti imbatterai in molti ninfei (fontane pubbliche), ma nessuno come il Ninfeo Antonino.

A differenza di tutti gli altri ninfei, che giacciono in parziale rovina, il Ninfeo Antonino è stato completamente ricostruito e reso perfettamente funzionante. Fontane d'acqua si tuffano nelle sue vasche, che si trovano tra colonne di marmo e statue finemente dettagliate (alcune originali e altre ricostruzioni).

Il restauro del ninfeo, terminato nel 2010, è stato uno dei progetti di restauro più spettacolari e ambiziosi su un sito di epoca romana in Turchia, e la struttura è classificata lassù con la biblioteca di Efeso come i più importanti edifici di epoca romana della Turchia.

Eroe

monumento a eroina

Appena su per il pendio dell'area dell'Agorà Superiore si trova l'Heron, alto 14 metri dal suo plinto.

Un heroon è un santuario del periodo greco-romano dedicato a un personaggio eroico, e questo risale al I secolo, anche se la persona a cui era dedicato rimane sconosciuta.

Un fregio di ninfe danzanti incredibilmente ben conservato avvolge la base del monumento.

Da qui, puoi camminare a ovest lungo il pendio della montagna fino agli scarsi resti dello stadio di Sagalassos ai margini della città, o a est fino alla Biblioteca Neon.

La Biblioteca Neon risale al 120 d.C. ed è sede di un pregevole pavimento a mosaico. A volte è tenuto bloccato, quindi per essere sicuro di poter entrare; chiedi la chiave in biglietteria al momento dell'acquisto del biglietto del sito.

teatro romano

teatro romano

Appena ad est della Biblioteca Neon, in uno dei punti più alti del sito, si trova il Teatro Romano, noto per essere uno dei più bei teatri sopravvissuti in Turchia .

Un tempo ospitava 9.000 spettatori, anche se oggi l'area del palco e alcune sezioni dei posti a sedere sono in rovina a causa dei terremoti che sconvolsero Sagalassos nel VI e VII secolo e contribuirono all'abbandono completo della città.

Se ti fai strada fino al livello più alto di posti a sedere, sarai ricompensato con panorami sia sulla città che sulle montagne.

Eğirdir: La base per visitare Sagalassos

Eğirdir

Sagalassos può essere visitato come una gita di un giorno da Antalya (119 chilometri a sud), ma il distretto circostante (chiamato distretto dei laghi della Turchia) è un'alternativa rurale più vicina ed è una delle preferite da escursionisti, ciclisti e amanti della natura.

La base principale del Lake District è la cittadina di Eğirdir , circondata da montagne e situata sulla riva del lago Eğirdir.

Mentre la parte principale di Eğirdir si estende lungo la riva del lago, una strada rialzata dalla città conduce sul lago fino all'isola di Yeşilada, che è un tranquillo sobborgo della città principale.

Le opzioni di alloggio, sia nella città principale che a Yeşilada, sono piccole, gestite localmente e accoglienti, quindi si adattano ai viaggiatori indipendenti.

Cose da fare intorno al lago Eğirdir

Lago Egirdir

Il noleggio di mountain bike è molto popolare in Eğirdir e molte persone vengono qui per percorrere i percorsi forestali intorno al lago in bicicletta.

In estate (da metà giugno a metà settembre) le gite in barca di un'intera giornata sul lago Eğirdir sono l'attività locale più popolare. Le escursioni comprendono varie soste in baie isolate per nuotare e pranzare, oltre a offrire viste panoramiche sulle cime scoscese che costeggiano il lago.

Ci sono anche varie spiagge che costeggiano le principali città lungo la riva del lago Eğirdir, anche alla periferia della stessa Eğirdir, anche se sono un'opzione più squallida rispetto alla costa mediterranea, che si trova a soli 100 chilometri a sud.

Visitando i campi di lavanda e rose

Campi di lavanda vicino a Egirdir

Questa zona è uno dei fulcri agricoli della Turchia e dalla primavera all'autunno c'è sempre molta azione di raccolta. Per i viaggiatori, tuttavia, è più noto per i suoi raccolti di rose e lavanda.

La città di Isparta (36 chilometri a sud-ovest di Eğirdir) è il centro dell'industria turca delle rose e la campagna circostante produce circa il 60% dell'olio di rose mondiale, tutto a base di rose di Damasco, portate in Turchia alla fine del XIX secolo.

Da maggio a giugno vengono organizzati tour per la raccolta delle rose che prevedono viaggi nei principali campi di rose nella "Valle delle rose", vicino al villaggio di Güneykent, o nei campi intorno al villaggio di Yeşilyurt. I tour implicano l'aiuto alla raccolta delle rose e le visite alle fabbriche in cui le rose vengono lavorate per produrre l'olio.

Se ti trovi in ​​zona nel corso dell'anno, i campi di lavanda intorno al villaggio di Kuyucak, vicino al lago Burdur, sono in piena fioritura da luglio ad agosto. Il villaggio si promuove come il "Villaggio di lavanda" della Turchia e la gente del posto produce e vende molti prodotti a base di lavanda nelle bancarelle qui. A luglio possono essere organizzati tour per aiutare a raccogliere la lavanda.

Escursioni nel Parco Naturale del Canyon Yazılı

Canyon Yazili

Il canyon di Yazılı, 56 chilometri a sud di Eğirdir, è una lussureggiante gola con sentieri circondati da pini sopra un fiume blu ghiaccio, il tutto sostenuto da cime montuose in lontananza. Il normale sentiero escursionistico costeggia la parete del canyon per tutto il percorso per una facile passeggiata di tre chilometri che termina con una serie di piscine naturali.

Se vuoi nuotare, indossa il costume da bagno sotto, ma tieni presente che anche in piena estate l'acqua qui è molto fredda.

L'escursione di più giorni del St. Paul Trail attraversa il canyon di Yazılı, quindi ci sono percorsi escursionistici più ambiziosi per i visitatori con più tempo. La maggior parte delle persone, tuttavia, è qui per una breve passeggiata e per godersi semplicemente il paesaggio e l'atmosfera tranquilla della zona.

Visita ad Antiocheia-in-Pisidia

Acquedotto ad Antiocheia-in-Pisidia

Alla periferia della città di Yalvaç (73 chilometri a nord-est di Eğirdir) si trovano i resti di Antiocheia-in-Pisidia, che un tempo era l'importante città di confine dell'antica Pisidia.

Come per molte antiche rovine di città in Turchia, la storia di questo sito risale a molto più indietro rispetto all'era classica (Antiocheia-in-Pisidia è stata colonizzata almeno dal 3° secolo a.C.), ma quello che vedi oggi è il più recente greco-romano e monumenti bizantini.

Per quelli di fede cristiana, Antiocheia-in-Pisidia è importante, poiché fu visitata sia da San Paolo che da San Barnaba, anche se la loro prima visita non ebbe successo, ei primi missionari cristiani furono espulsi dalla città.

L'area delle rovine qui è vasta, nonostante gran parte della città rimanga da scavare.

Il Tempio di Augusteum è uno dei monumenti più imponenti , dedicato all'imperatore Augusto, mentre dai resti del Ninfeo si può salire sulla collina seguendo le rovine dell'acquedotto cittadino fino ad un tratto ad arco perfettamente conservato.

Un altro monumento da non perdere passeggiando per il sito è la Basilica Grande, risalente al 4° secolo e ritenuta una delle prime chiese in stile basilicale costruite in Turchia.

Trekking il Sentiero di San Paolo

Vista del lago Eğirdir dal sentiero

Il St. Paul Trail è una delle più famose escursioni a lunga distanza della Turchia che si estende per 500 chilometri tra Perge, vicino ad Antalya, e Yalvaç.

Traccia approssimativamente il viaggio missionario di San Paolo attraverso quella che era l'Asia Minore romana e utilizza antiche strade romane e sentieri pastorali mentre si dirige dalle pianure costiere fino alle montagne.

Eğirdir è la base più conosciuta per il sentiero , con molti escursionisti che si dirigono in entrambe le direzioni trascorrendo alcuni giorni riposandosi in città prima di proseguire, mentre altri usano Eğirdir come punto di partenza o di arrivo quando percorrono una sezione più breve del sentiero.

Il percorso completo è un'impresa resistente che si adatta agli escursionisti esperti e richiede circa 27 giorni per essere completata.